Verde senza speranza

Ultimamente la parola “verde” mi fa venire in mente la faccia di Angelino Alfano. È curioso come il cervello leghi tra loro elementi di una lunga catena, fino a affiancarne i due estremi, come gli anelli della chiusura di un rosario.

Il fatto è che la parola “verde”, sic est, è da tempo usata per indicare ogni cosa che concerne il mondo delle piante (siano esse alberi, fiori o erbacce), dell’ecologia e della biologia nel senso più esteso (e quindi più vago) che si possa immaginare.
È una parola semplice, perché rappresenta il colore fondamentale delle foglie, quindi il pensiero corre subito ad esse e ad un idillico stato di paesaggio non antropizzato.

Come tutte le parole che veicolano con facilità e velocemente un concetto, la burocrazia e la politica l’hanno adottata senza indugio. Ne sono nate espressioni al limite dell’oscenità linguistica, come “verde pubblico”, “verde ornamentale”, “verde attrezzato”, “spazio verde”, “area verde”, “il verde” (qui siamo nel campo della massima genericità), “mondo verde” o “mondo vegetale” (questa poi sembra un insulto: “Piove, mondo vegetale!”).
Non ne parliamo dell’espressione “operatore del verde”. Chi sarebbe un operatore del verde? Un barelliere che porta le piante malate in sala operatoria? Anzi, è già una fortuna se non si parla di “materiale vegetale” alla stregua di malta e sabbia per il calcestruzzo.

Purtroppo quest’uso è stato avallato anche dai professori di discipline di architettura del paesaggio, che nell’utilizzarle sembrano i più contenti di tutti…tranne che i politici.
Un politico o un assessorino andrà in deliquio di fronte a queste espressioni, che sanno tanto di tecnicismo da ingegnere e di garanzia di efficienza.

Ed ecco perché alla fine della catena mi viene in mente la faccia di Angelino Alfano, perché tale volto mi sembra il risultato formale della sovrapposizione della beatitudine compunta di tutti i volti degli assessori e consiglieri comunali italiani quando parlano alle telecamere, tale che –a cercarla bene- forse la si ritroverebbe in qualche affresco michelangiolesco.

Questo tirare in ballo il verde mi manda ai matti, mi dà l’orticaria, mi fa venire la febbre fredda. Soprattutto perché in certe “aree verdi” l’unico verde è quello della vernice dei tubi delle altalene per bambini.
Inoltre le parole “spazio” e “area” sono fredde, glaciali, esattamente come vuole essere un burocratismo. Al giardino, al paesaggio urbano, ai giardinetti di periferia, viene tolta perfino l’anima lessicale. Il giardino, il paesaggio,  non devono essere uno spazio, un’area, il che significherebbe solo una mera estensione superficiale, ma un luogo. Un posto dove depositare l’idea che abbiamo della natura. Ecco perché sostengo che anche una mensola con le foto di famiglia, un portafiorino di cristallo sfaccettato con dentro una rosa miniatura, un portacenere e una scatola di carte da gioco, per me sono un giardino.

Non riusciamo ad identificare quello che vogliamo indicare con un termine preciso, che identifica quella e non altre. Una situazione che –mi ha spiegato un noto enigmatista- si chiama di penuria nominis.
Non ho molta simpatia per il giardinaggio inglese, ma non posso fare a meno di paragonare la loro ricchezza linguistica in materia di giardinaggio. La lingua inglese è tanto ricca di termini differenti sui giardini e la natura quanto è povera in fatto di cucina. Se gli inglesi non fanno troppo caso alla differenza tra la crema, la panna e la panna montata, faranno invece caso alla differenza tra un boschetto naturale, uno piantato, un bosco aperto e uno più ombroso. Hanno verbi e sostantivi per ogni situazione, e se non ce li hanno li coniano velocemente con quel loro modo abile di usare le parole composte, e –ovviamente- hanno una tal quantità di nomi di colori per definire i fiori da fare andare fuori di testa un italiano.

Tanto per fare degli esempi: in italiano manca il verbo che indica la pratica del giardinaggio.

Il “De Mauro”, molto apprezzato dal mio enigmatista, porta il verbo “giardinare”, in cui significato scommetto non indovinereste mai: “Nella falconeria tenere il falco all’aperto, sulla pertica o sul blocco”.
Chiuso con “giardinare”! Tanto noi giardinieri lo usiamo felicemente e lasciamo la falconeria alle sue arti.
Manca un aggettivo qualificativo che riguardi il giardino. Sempre il “De Mauro” riporta “giardinale”  (un termine che sembra ricordare i mesi napoleonici, con quel –ale in coda), su cui si spendono pochissime parole, appena due: “di giardino”. Mah.
Proviamoci: “rose giardinali e rose campestri sono in questi mesi al massimo del loro rigoglio”, “le piante giardinali in questa stagione rendono coloratissime le aiuole”, “Mi scusi, saprebbe indicarmi le più fiorite piante giardinali per l’estate?”.

C’è di peggio, ma si potrebbe anche tentare.

Noi aficionados abbiamo creato degli aggettivi che ci piacciono di più: giardinicolo e giardinesco. Il secondo lo usiamo quando vogliamo dare un tono un po’ farsesco alle nostre avventure in giardino. Ci chiediamo se e tra quanti anni possano entrare a far parte del “De Mauro”.
Questo in quanto alle lacune vere e proprie, ma anche in campo sinonimi l’italiano non raggiunge la sufficienza.

Manca, manca, manca, manca un sinonimo di giardino. E ora io mi domando se Umberti Echi vari, che possiedono fantasia  e tecnica linguistica e in più  hanno trovato il tempo di inventare parole come “tetratricotomia”, non potessero più proficuamente impegnarsi in settori dove le parole sono poche  e sempre quelle.

Prendiamo per esempio “pianta”.

“Ho piantato una pianta”, è un frase brutta ma grammaticalmente ineccepibile. Si potrebbe dire “albero”, “arbusto” ecc. Ma mettiamo che il nostro scrittore non sappia la differenza tra un albero, un arbusto, una rosa e un tulipano.
Quindi noi giardinieri siamo costretti a “piantare piante” quando portiamo il falco a prendere il sole sul palo.
C’è chi parla di “essenze da giardino” nel senso di esseri viventi che si usano nei giardini. Un modo per dire che le piante sono “esseri” di serie B.

Fiori? Ma se la pianta in questione non fa fiori?

In più non esiste una parola che indichi l’arte di creare un giardino. In verità che io sappia non è mai esistita in nessuna lingua e in nessuna epoca storica. Per distinguere la creazione di un giardino dalla pratica hobbistica del giardinaggio, che oramai sono due attività nettamente distinte,  ho pertanto coniato il termine kepopoiesi, che almeno a me sembra soddisfacente.

Il mio amico enigmatista mi ha mollato nel bel mezzo di un gelido inverno e i professoroni della lingua si applicano solo alle questioni che solleticano la loro stanca fantasia. Chissà se il giardinaggio riuscirà in futuro a smuovere le fantasie di Accademici dei Cereali? Eppure una statistica di oggi[1] dice che è una attività coltivata dal 37% degli italiani. Una buonissima fonte di lucro. E poi si sa…dietro una parola viene sempre un gadget.

Attualmente i dizionari si serrano in un dotto silenzio. Ma pare che il verde sia il colore della speranza.


[1] 10 maggio 2011-05-10

22 pensieri su “Verde senza speranza

  1. correttamente io uso :mettere a dimora un albero un arbusto.è bello questo articolo perchè riapre la questione ;occuparsi del giardino è un hobby?non lo è !ma chi lo sa ? de mauro?sabatini? ma figuriamoci allora se si adoperano per darlgi un lessico degno di una forma d arte o semplicemente elevarlo ad una cosa seria.forse finira che ne adotteremo qualcuno inglese di termine,visto l attuale atrofizzazione della ns lingua,creare neologismi non da profitto .noi evidentemente ci adoperiamo poco per far si che ci sia una degna considerazine o dell essere giardinicolo (homo giardinicolo meglio di cavernicolo)spero in tuo prossimo libro sul ns essere che sia filosofico ,voglio dire anche un libro webmatico non necessariamente un enorme sforzo editoriale .

  2. l esplosione dell aggettivo verde si deve ai tedeschi (aho ma sempre loro) crearono il partito politico del verde !poi ripreso in maniera semiseria inizialmente anche in italia poi con deriva pecoreccia ..questo pero ha dato una pennellata di verde politicamente corretto a schifezze che altrimenti si sarebbero appalesate per quello che sono

  3. Nella nostra lingua non esistono termini adeguati per definire le azioni relative al giardinaggio semplicemente perché il giardinaggio non esiste nell’immaginario collettivo del nostro popolo, non c’è alcun retroterra culturale o storico cui fare riferimento, nessuna tradizione popolare che non sia quella relativa alla coltivazione dell’orto o poco più.
    Le parole esistono in quanto necessarie a classificare e definire situazioni ed azioni cui si attribuisce importanza: sarebbe giusto che fossimo proprio noi a coniare le parole che ci servono.

  4. pero il giardino all italiana identifica uno stile ben preciso!e gia dai tempi dei Medici era in uso averne uno come adornamento della villa .manca nel mondo verde italiano il grande pesonaggio che faccia tendenza-

    • Il giardino all’italiana era prerogativa dell’aristocrazia, non certo delle classi popolari; ed era un ‘ornamento’ del palazzo nobiliare, un modo per sfoggiare ricchezza e potenza. Un aristocratico non si sarebbe certo sporcato le mani con la terra, al massimo avrebbe passeggiato tra le aiuole discorrendo di filosofia o di politica o di commerci, non c’era dunque alcun bisogno di coniare termini appropriati per un’ attività così volgare. Credo che la grande ricchezza semantica tipica dell’inglese sia nata in tempi successivi, quando la borghesia (che non considerava il lavoro fisico come un disonore) cominciò ad occuparsi direttamente del giardino e scoprì il piacere del giardinaggio, ma di questo Lidia saprà dirci meglio.
      Il personaggio che fa tendenza? No per favore, no. Possibile che si debba sempre andare al traino della personalità famosa altrimenti non se ne fa nulla?

      • Stavolta non mi sembra un’analisi corretta. Credo Alex abbia ragione, e in effetti ho subito pensato la stessa cosa leggendo il tuo rpimo commento. L’italia antica, specie nella zona delle repubbliche marinare, era ricca di termini specialistici, molti dei quali sono purtroppo scomparsi. La maggior parte si è conservata nel gergo marinaresco, e sono d’accordo con te che è molto probabile che anche all’epoca dei Medici la terminologia giardinicola fosse carente. non so rispondere alla tua ultima domanda, ma credo che l’Inghileterra (Inghilterra, non Regno Unito o Gran Bretagna), avesse una terminologia più ricca già dal ’500. In verità bisognerebbe domandare a Quest-Ritson, non è che qualcuno ha la sua mail?
        Poi credo Alex si riferisse a un personaggio di cultura, un Pizzetti, insomma. D’altra parte s’è visto che i personaggi famosi che hanno poi scritto di giardini, hanno fatto sempre flop.

  5. pensiamo al termine jeans. etimilogia:blu che viene da genova . significa blu di genova dai pantaloni dei marinai blu(cit Pejrone)ottenuto dall iris tinctoria.pensa che bella questa parola quando siamo in grado di internazionalizzare le ns idee siamo vincenti !!Lidia dovrai fare uno sforzo e buttare giu qualche termine ,non è facile ,quando ci ha provato il fascismo (che pur annoverava fior di intellettuali)sono uscite fuori parole come giovanottiera per sostituire garconniere..a quel punto meglio lasciar perdere

  6. Eppure se una cultura non ha espresso una terminologia specifica per descrivere una certa gamma di attività umane, significa che in quella cultura sono poco presenti e poco significative; in questo condivido le idee di alcuni linguisti come Vigotskj o Chomsky, i cui lavori dimostrano la strettissima interdipendenza tra pensiero/azione e linguaggio. Del resto basta pensare al linguaggio della musica, ricchissimo nella nostra lingua e adottato in tutto il mondo; lo stesso vale per il tedesco o il greco e la filosofia, o per il francese e la cucina.
    Non conosco termini italiani sufficientemente antichi, tranne pergola o veduta, nè tanto meno conosco quelli caduti in disuso di cui dicevi, ma se sono caduti in disuso un motivo ci sarà.

    • Senza dubbio è vero. Sono della stessa idea, e anche se non ho beneficiato delle tue letture, mi appoggio ad altri autori che ne parlano. Secondo me il mondo non finisce con la nostra capacità di chiamare le “cose”, ma certo finisce (o ha comunque serie difficoltà ad esistere), la comunicazione e la trasmissione culturale di quelle cose.
      Sono sicura che ci fossero termini specialistici che noi non immaginiamo. Dovrei leggere il “De ruralia commodorum” e “De re rustica” per dirti qualcosa in più. Forse noi immaginaiamo un mondo giardinicolo all’epoca medicea molto più avanzato di quello che in realtà non sia stato. Può darsi. E sicuramente ci sono stati tanti motivi per i quali il giardinaggio taliano ha perduto o non ha coniato termini giardinicoli. Uno -per me- è la presenza di un paesaggio così fortemente caratterizzato e antropizzato, così antico, che è giardino esso stesso. Quando hai il giardino fuori, non lo cerchi dentro. ecco perchè la frase di Sylvia Crowe “il posto del giardino è la città”, peraltro condivisa da Piz, è tragicamente vera.

  7. Non so che dire, se non convenire con Ross. Me ne sto zitto.
    Anzi, le ville venete avevano il ‘brolo’. Il brolo è una parola decaduta, come è decaduta questa tipologia di spazio adiacente all’abitazione. La lingua italiana è morta per il giardino, meglio adottare l’inglese. Ma te lo vedi qualcuno fare Kepopoiesi? Suona troppo male.

  8. Kepopoiesi suona un po’ sinistro, ricorda ‘emopoiesi’…..
    Altre antiche e belle voci italiane sono pomario e verziere, che sarebbe bellissimo se non ricordasse le verze con la salama da sugo

    • ma infatti la radice è quella “poiesis”, produzione, creazione, da cui deriva “poesia”.

      Kepos-poiesis, produzione, creazione di giardini.

      forse però la doppia “po” è in più. “Kepoiesi”, o “Kepoiesis” mi sa funziona meglio.
      Grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...