Agli amanti di Pasolini – #Pasolini40

Non ho mai avuto simpatia per Pasolini. Personale, forse; intellettuale mai.
Una volta mi dissero che Walter Benjamin era un “imbucato” della filosofia. Ebbene, per me Pasolini è un “imbucato” della vita culturale italiana.
In occasione del quarantennale della morte sono stati lanciati hashtag e vari osanna, critiche agli osanna, ma adesso che tutto sembra essere sfumato nell’oblio postmodernista, vorrei lasciare agli amanti di Pasolini un aneddoto che forse li divertirà.

Per un certo periodo mio padre frequentò intensamente Leonida Repaci, il quale voleva impalmarlo con la figlia o la nipote, ora non ricordo.
Perciò papà si trovava spesso a Viareggio, nell’establishment del Premio che Repaci dirigeva.
Gli capitò di incontrare, tra gli altri, pure Pasolini.
Se non ho capito male, questo benedetto Pasolini non aveva la patente, non sapeva guidare o comunque non gli piaceva.
Però gli piaceva fare dei giri in macchina. Giri di ore e ore tra le campagne.
Allora chiedeva a mio padre di accompagnarlo perché si fidava della sua guida. Papà in effetti è sempre stato un ottimo guidatore, era prudente e aveva i riflessi pronti, inoltre non mancava di iniziativa e di coraggio in situazioni delicate.
Pasolini se lo adottò come autista, insomma.
E mio padre si faceva due palle così a portare ‘sto Pasolini a spasso perché hai voglia dargli parola, non c’era verso di farlo parlare. Stava zitto per tutto il tempo o al massimo si esprimeva con un vocalizzo gutturale o un “mh”. Ore e ore senza dire una parola.
Mio padre, che invece è sempre stato dotato di un certo spirito goliardico, voleva chiacchierare, e sulle prime tentò di spingerlo alla conversazione. Poi si arrese.
Pasolini invece deve essersi divertito parecchio, perché non chiedeva altro che andare in giro in auto con papà, il quale ovviamente non poteva declinare. Credo che per papà furono giornate d’inferno.

E niente. È tutta qua.

Una mia intervista su Prontopro

Sembra un po’ strano, ma un sito che collega le aziende con potenziali acquirenti, mi ha chiesto un’intervista.
Siccome le interviste le faccio, e non le ricevo, confesso di esserne rimasta molto lusingata.
È molto breve e di me racconta come tenda ad evadere le domande tradizionali: vi metto il link:

prontopro
Pronto pro-intervista Lidia

I miei progetti per l’autunno

hill topLa situazione più scombinata a casa mia, che mi richiederà certo più impegno, è quella che ormai Martha chiama “la questione dei cani”.
Pappiralfi ha bisogno di stare al caldo e all’asciutto, con la sua artrite, mentre dall’altro lato Bibo vorrebbe star fuori a rincorrere volpi e faine anche quando piove, con la fida compagnia di Bassotto, che invariabilmente torna a casa malconcio, ferito, con bronchite e febbre alta. Lei si getta nel laghetto anche in inverno e lui ritona con gli occhi incavati e le zampe tremanti. Non lo farò più uscire a meno che non indossi un maglione pesante.
Andreino non può più sopportare le angherie di Bibo e staziona sul mio letto come se lo presidiasse. Io e Martha lo laviamo due volte a settimana, ma siccome non tollera il phon, lo dobbiamo asciugare davanti al camino ben avviato. Andreino impiega ore ad asciugarsi, intanto noi lo coccoliamo con piccoli bocconcini.

Pertanto ho deciso che Pappiralfi dormirà su un futon molto imbottito, non troppo morbido. Ho già mandato in ordine i campioni dei tessuti che mi ha mostrato Mr. Goldberg.
Andreino dormirà con me, come sempre, e Bassotto avrà la sua ciotola di fianco al letto.
Bibo dormirà con Pappiralfi, su una comoda portrona con telaio in legno, in stile rococò.

La mattina, portandomi la prima tazza di tè, Martha condurrà i primi due fuori, mentre Pappi e Bibo hanno la porta socchiusa, e possono entrare nel corridoio e grattare alla porta della cucina, dove Idella li sentirebbe di sicuro.

Poi non so cosa fare con William. Mi viene a trovare così spesso! E quando Martha mi grida da lontano: “Miss! Sta arrivando il sergente William !”, il cuore mi schizza dal petto e mi blocco come un burattino. Osservo la sua bella figura salire verso la casa, e per rassicurami penso sempre al tè. Con una tazza di tè non si sbaglia mai.
Parliamo del più e del meno, e vedo Callum e Martha sparire, mentre Idella è più che indifferente a William e a ogni altro maschio.
Vorrei che mi dicesse qualcosa oltre le solite frasi sul giardino –Com’è bella la siepe quest’anno, Miss– oppure – Ha fatto qualcosa in quell’aiuola? La vedo diversa– Io rispondo, con gli occhi bassi alla mia coperta patchwork, ma in realtà tento di capire cos’abbia in testa. La cosa peggiore è che a volte i nostri sguardi si incrociano ed entrambi torniamo frettolosamante al cucito e al tè.
Be’, vorrei proprio che dicesse qualcosa, magari prima di Natale, ma forse non è interessato a me e viene a trovarmi solo per distrarsi o perché ho il miglior tè della contea, modestamente. Migliore della “Pertica d’Oro”, se mi posso permettere di vantarmi un po’.

Il giardino non mi preoccupa molto, stiamo già preparando le protezioni per l’inverno, e la serra si sta pian piano riempendo.
Abbiamo raccolto molto stallatico dal nostro vicino, e lo useremo come lettorino caldo per l’orto, o lo lasceremo maturare.
Le prime confetture di mele sono già partite e quando fruttificheranno le altre varietà per me e Idella saranno settimane di incessante lavoro per conservarle, seccarle, fare salse, confetture e gelatine.
L’ordine dai miei preziosi cataloghi è già scritto (tre volte) e pronto per essere imbucato da Callum. Non prenderò più la lattuga dell’anno scorso, è rimasta amara nonostante tutte le mie cure.
I cesti per lo stoccaggio dei bulbi di tulipano e narciso sono pronti: quando arriveranno dovrò assumere il giovane Noah per aiutare Callum, ce ne saranno oltre un migliaio da piantare.

Invece sono preoccupata per la mia giardinetta: il telaio in legno si muove, e sulle buche sobbalza tanto che sembra voler schizzare via. Non posso più rimandare, devo portarla dal vecchio Pappadakis perchè la sistemi.

Ho trovato un’altra gattina, nera e bianca. Ancora non ha un nome, ma è stata adottata da Iside. Rob mi ha chiesto se può tenerla lui, ma non sono sicura che se ne sappia prendere cura a dovere: è ancora molto giovane.

Sto preparando i regali di Natale: talee, piante, segnalibri, disegni, sciarpe e guanti, partiranno dall’ufficio postale della signora Oleson giusto in tempo per essere recapitati poco prima delle feste. Faremo l’albero con un ramo di ulivo, appendendo piccoli origami di carta rossa.

Raindrops on roses and whiskers on kittens
Bright copper kettles and warm woolen mittens
Brown paper packages tied up with strings
These are a few of my favorite things!