E mo’ s’attaccamo tutti arca’

Niente di più vero. Una conferma -come se ce ne fosse bisogno- di quanto le tendenze estetiche, anche quelle che sembrano dettate da spiriti puri, siano sempre più legate al mondo del popolare e del massivo. Ne sono un esempio la moda Punk, del Vintage, dei tatuaggi e del piercing.
Un tempo erano gli arbiter elegantiarum a dettare le mode, oggi gli stessi arbiter si devono confrontare con le nicchie che diventano masse, e che sono sempre meno genuine e meno originali, meno istintive e creative.
E’ un circolo vizioso, un cane che si morde la coda.
E ora? Ora s’attaccamo a chi viene viene, basta che ci dica qualcosa di nuovo.

Studere, studere, quid valere? Melius asinus remanere!

Mukaroski è un filosofo che si fa una domanda e si dà una risposta. A differenza di Burke, Hume, Hutcheson ed altri che pongono domande ma evitano accuratamente di dare una risposta.
Domanda: che cos’è l’estetica?
Risposta: la scienza della funzione estetica.
Che cos’è la funzione estetica?
Il rapporto dell’uomo con la vita.

Grazie signor Mukaroski, iddio ti benedica mille volte.
Questo libro è appassionante come un romanzo giallo, ad ogni pagina un’illuminazione: e sono solo all’inizio.
E pensare che il giorno mercoledì 24 Settembre del 2008, alle ore 12:14 un tale mi ha detto …contento per Lei, Sig.ra Lidia. Sulla base del solo studio, saremmo tutti uguali….
Come spiegare a persone di questa risma, che hanno -per loro fortuna- la testa al fresco, che è proprio la conoscenza delle cose che ci rende più partecipi della vita, più indipendenti dalle opinioni degli altri, maggiormente in grado di affrontare e risolvere i problemi che la vita ci pone, senza contare che ci rende ogni esperienza molto più ricca e piacevole?
Probabilmente l’autore di questa frase legge solo “Tv Sette” e “Pomeriggio 5” gli sembrerà un programma di approfondimento.

E ovviamente si terrà ben lontano da libri che non siano gli annuari del campionato di serie A.