It’s for people!

soylent-green
Una volta eravamo cittadini, poi siamo diventati consumatori, adesso siamo noi la merce.

 

 

 

 

 

 

 

 
mi piace facebook

Blossom Zine numero estivo

blossomzineCome sapete ho partecipato ad una iniziativa editoriale di giornalisti e blogger, uniti per realizzare un quadrimestrale ricco di tutte quelle notizie che possono piacere al giardiniere ma anche al non conoscitore (blogger di tutto il mondo, unitevi!).
Dentro Blossom Zine trovate pensieri, racconti di giardini, ricette, informazioni sulle piante, ma soprattutto belle fotografie e tanti input visivi. Certo, ci sono anche i nicchinacchi che a me fanno fumo negli occhi, tipo i mobili a forma di pianta, ma le sabbie mobili del mercato editoriale impongono anche un occhio “mercantile” se si vuole produrre una rivista gratuita.

E già, non l’ho detto? Perché Blossom Zine è completamente gratis. La potete sfogliare online sul sito di Issu.

E’ anche una rivista che non sono tre foglietti e via, ha 72 pagine, certo, considerate che la pagina di destra, scritta in rosa, è la traduzione in inglese di quella di sinistra, quindi è una rivista bilingue: magari qualche lettore d’oltreoceano potrà leggermi nella sua lingua (è un pensiero che mi inorgoglisce…ehm).
E’ la prima rivista di questo tipo in Italia e mi sembra positivo perchè vuol dire che la coscienza del giardinaggio di buon livello sta diventando una categoria interessante per il mercato.
Il magazine è sfogliabile a Blossomzine.eu.
L’intervista che mi ha fatto Dana chiude il numero. Non riesco ad embeddarla, perciò la carico dall’ album Blossom Zine su facebook

intervista lidia zitara blossomzine summer issue

Insomma, se una dura e cruda come me ve la consiglia, almeno datele uno sguardo. La cosa che a me piace di più di questa rivista sono le foto e le ispirazioni. Anche se poi non è detto che le mettiamo in pratica, per un motivo o per l’altro, è bello farsi cullare da visioni di mondi possibili.