Una brutta giornata, un bel ricordo (reloaded)

mimihawagara3Oggi è martedì 15, sera inoltrata.
Oggi mi hanno fatto ricordare di un personaggio che ha reso la mia infanzia più movimentata di quanto molti potrebbero pensare.
Da piccoletta guardavo sempre il wrestling in tv. All’epoca lo chiamavamo “catch” e i lottatori erano giapponesi. C’erano Tiger Mask, Antonio Inoki, Tastumi Fujinami.
Era tutt’altra cosa rispetto al wrestling americano fatto di schiaffoni, muscoli lubrificati, omaccioni pettinati con la coda di Barbie e calzemaglie colorate.
Era uno sport serio.

mimi hagiwara

Lo vedevamo con il commentissimo di Tony Fusaro.
Era davvero un pezzo che non ripensavo a Mimi Hagiwara, soprannominata proprio da Fusaro “la Farfallina Bianca” poichè vestiva sempre un semplice body bianco, senza nessuna decorazione. Mimi Hagiwara era un po’ la Chris Evert del catch, era bella, aveva i capelli lunghi e li lasciava liberi. Era un vantaggio per le altre lottatrici, ma lei correva il rischio perchè saliva sul ring e combatteva non solo con lo spirito del lottatore, ma anche con quel senso dell’estetica del combattimento che solo i giapponesi possiedono.

Di lei si diceva “appena alza una gamba l’avversaria è già a terra” . Era delicata e fortissima, agile e tenace.

mimi hagiwara1

Grazie Mimi, grazie per le tue gambe, i tuoi capelli, il tuo body bianco, e anche per aver lanciato qualche arbitro fuori dal ring.

L’oroscopo della settimana #2

mustafa-soydan-zodiac-illustrations-aries-650x650Ariete:
non avete tempo per parlare e gli altri lo capiscono dalla vostra camminata rapida e senza intercessioni all’ottimismo. Che voi siate uomo, donna, madre o fratello, cercate di rimanere vivi, anche se la città è un paesino e non dà le ali alle scarpe, o non è immortale e neanche un frutto da mordere. Restate vivi, e non camminate con lo sguardo a terra.

mustafa-soydan-zodiac-illustrations-taurus-650x650Toro:
le creature magiche potrebbero trovarsi anche in metropolitana, sull’autobus, in mezzo alla strada, anche se piove o tira vento. Non calpestatele, non urtatele: il fatto che perlopiù non siano visibili non è una giustificazione. Anche la gente comune –in fondo- è invisibile. E rammentate che per la gente noi siamo “gente”.

mustafa-soydan-astro-illustrations-geminiGemelli:
la malinconia vi lascia proprio sulla linea di meta, al tramonto, nel momento in cui tutto muore e si rinnova. All’orizzonte il buio disvelerà la prima stella della sera, Vespero, e nell’infinito ogni paura si confonderà con l’attesa e la speranza. I limiti e i contorni delle frontiere vi appariranno sempre più instabili e in continuo mutamento. La coda dell’occhio –in questi casi- vede molto meglio.

mustafa-soydan-astro-illustrations-cancerCancro:
le farfalle nello stomaco si muovono lentamente e sgraziate, come se le loro ali traslucide fossero stropicciate. Il vostro è un picciol fuoco che la distanza e il poco vento piano piano estingueranno senza che i tizzoni si consumino. Il vostro fuocherello non basterebbe per riscaldare il povero viandante o il monaco pellegrino. Salite su una collina e lì accendente un fuoco che oscuri la luce delle stelle.

mustafa-soydan-astro-illustrations-leoLeone:
dal fondo della coda dove siete sistemati in attesa che lo spettacolo cominci, vi cadrà lo sguardo su una chioma rossa, una ventiquattrore di pelle, il rivestimento scollato della poltrona, unghie verdi laccate con i glitter, un abito leggero con i colori della terra, scarpe lucide coi lacci, colletti chiusi fino all’ultimo bottone, degli occhiali da vista anni ‘70. E poi fari rosa e viola illumineranno la notte.

mustafa-soydan-astro-illustrations-virgoVergine:
credevate che la felicità fosse già tutta lì, per voi, sulla spiaggia. Ma le ventate sollevano la sabbia, che vi colpisce come mille aghi impazziti. L’asciugamano vi vola in faccia e non vi fa capire da che parte sia il mare, l’ombrellone si stacca dal suo palo e –come una barchetta-veleggia verso le coste abitate da antichi eroi. Ma prima o poi la tela assorbirà l’acqua, e la barchetta affonderà.

mustafa-soydan-astro-illustrations-libraBilancia:
le cose poi succedono, anche se non sapete spiegarvi né come né perché. Tutto sta nel ricordare in quale tasca o borsa avete messo il mazzo di chiavi, e poi trovare quella giusta. Non cercate di aprire il portone di casa con le chiavi dell’auto o della catena della bici. Chi dice : “Non esiste provare, esiste solo riuscire”, viene -come Yoda- da un altro pianeta.

scorpio_by_Mustafa-Soydan600_600Scorpione:
vi hanno sempre detto che i mostri non esistono, che sono fantasie dei libri e dei film. Volevano dirvi che il più delle volte è vero che non esistono creature di altri pianeti, che divorano cervelli o si nascondono nei condotti d’areazione. Esistono altri tipi di mostri però. Per sconfiggerli, chiedete aiuto agli amici, avanzate appaiati senza paura e copritevi le spalle a vicenda.

mustafa-soydan-astro-illustrations-sagittariusSagittario:
chiederete al cielo che vi faccia sparire di colpo. Ma lo sapete che neanche nelle mani di Stephen Hawking la storia può cambiare, neanche la vostra, per quanto piccola e individuale. La freccia del tempo è unidirezionale e indietro non si torna: attrezzatevi di ampolle per raccogliere lacrime e sangue.

mustafa-soydan-astro-illustrations-CapricornCapricorno:
l’inutilità è la madre del vostro fare e pensare. Non l’inutilità estetica, descritta da Wilde, e neanche quella operosa, di Aristotele. Ma la vera fatuità, l’assenza di responsabilità e l’incoscienza. Destatevi da sonno della ragione che genera mostri, per non diventare mostri voi stessi. Non adducete la ragione del sonno.

mustafa-soydan-astro-illustrations-AquariusAcquario:
è una piccola formalità: una firma su un foglio, un nonnulla. Pensate di acquistare la fama, la celebrità, di diventare dei divi da hit-parade? Un vero affare, è un’occasione, vorreste forse perderla? Ma attenzione a cosa state firmando. Il foglio non ha un aspetto un po’ ambiguo? Leggete bene i codicilli, non vi sembra che sia una stipula di cessione dell’anima?

mustafa-soydan-astro-illustrations-piscesPesci:
il ritmo del Dixie in due quarti vi dà noia, vi sembra stonato e fuori posto: meglio quello sincopato del tamburello in una tarantella, o il sibilo angoscioso della cornamusa in una marcia scozzese. Forse. Fate attenzione alle corde, dovete conoscerle bene per far muovere delle scarpe di pelle scamosciata color azzurro.