Rosa ‘Cocktail’


Rosa 'Cocktail'

Meilland, Francia 1957
(‘Kordes Sondermeldung’ x ‘Orange Triumph’) x ‘Phyllis Bide’

Parlando di ‘Cocktail’ si parla di un classico dei giardini italiani. È una rosa relativamente recente, che si è subito diffusa in tutta Europa, grazie anche ai suoi colori sgargianti che ben si accordavano con quelli dell’industrial design di quell’epoca.

Negli anni ’70-’80 raggiunse forse il massimo della diffusione, per poi decadere nel favore dei giardinieri italiani, portati dalla austera e geometrica moda degli anni ’90, a preferire colori più sobri e delicati (furono gli anni dei jeans neri, di Matrix, degli occhiali con montatura minimale, dell’ostracismo nei confronti della produzione artistica popolare e di tipo ludico. Persino Madonna ritorna al suo colore naturale di capelli!).

Ma come sempre accade nel giardinaggio e nell’Arte, dopo periodi in cui si rifiutano i giochi di fanciullo, vi si ritorna con moltiplicato piacere e con aumentata saggezza. Dopo aver amato ‘Cocktail’, averla odiata, averla allontanata dal vostro giardino, è probabile che se ve la regalassero oggi la ricevereste con piacere.

‘Cocktail’ viene usata come rampicante, anche se in realtà è un grande arbusto. Come rampicante solitamente non raggiunge altezze stratosferiche, rimane bassina ed ordinata, ideale in un luogo di passaggio, su un obelisco, su un basso treillage , su un cancelletto. A me non è mai successo, ma conosco almeno un paio di esemplari che si sono allungati ad oltre i 5 metri, arrivando a fiorire tra i rami di un leccio. Sono due esemplari piantati peraltro in posizione estremamente sfavorevole, al centro di una aiuola di un marciapiedi comunale, a Locri, con pochissima irrigazione e scarso concime, a dar continua battaglia alle radici dei lecci, che lì formano l’alberatura pubblica.

Gli Inglesi la coltivano contro un muro caldo, poiché da loro non è del tutto rustica e può avere dei cedimenti in inverno. Da noi può essere coltivata ovunque, purché in luoghi molto ben assolati. Secondo me il meglio di sé, ‘Cocktail’ non lo dà su archetti e tralicci, ma proprio contro un muro o una ringhiera perimetrale, dalla quale può spenzolare giù formando una bella cascata fiammante.

Benché sia piuttosto spinosa può essere contenuta facilmente legandola e potandola, i rami sono molto resistenti agli strapazzi, ed essendo rifiorente non si corre il rischio di perdere completamente la fioritura. Questo non vuol dire che ‘Cocktail’ ami in maniera particolare le forbici, ed è bene accorciare poco durante le rimonde e non eseguire una potatura troppo severa in autunno-inverno.

I fiori di ‘Cocktail’ durano molto se recisi e messi in vaso. La fioritura è piuttosto avanti nella stagione, più o meno in concomitanza con quella delle rose selvatiche (R. canina).

Il fogliame è grossolano, verde intenso ossidato, lucido, non particolarmente attraente ma non tra i peggiori che una rosa possa avere. In genere è molto sana e resistente all’incuria.

Il colore è la vera specialità di ‘Cocktail’: il bocciolo è arancio-vermiglio, poi si apre in un grande fiore semplice, color rosso cocciniglia e centro giallo dorato ed un vistoso ciuffo di stami color oro brillante. A maturità il giallo al centro del fiore si trasforma in un bianco rosato e il rosso deciso trascolora in un rosa ciliegia scuro. Il cambiamento è piuttosto repentino, e il giallo arancio non dura molto sui petali. Siccome la rosa rifiorisce ad ondate, entrambe le gradazioni di colore sono presenti contemporaneamente sulla pianta. Ciò le conferisce un aspetto molto curioso, perché i colori del fiore giovane sono molto caldi, mentre quelli del fiore maturo sono relativamente freddi.

A molti non piace, ad altri delizia. Basta decidersi.

7 pensieri su “Rosa ‘Cocktail’

  1. a me è sempre piaciuta tantissimo, mi è morta in vaso a torino dopo un pò di anni e vorrei acquistarne una. sembrerebbe non più in commercio. falso? fatemi sapere. grazie .laura chiamata pollice verde

    • La Cocktail fuori commercio? mi sembra impossibile. Puoi provare alle Rose di Piedimonte, oppure al sempre fidatissimo Rose & Rose Emporium, ma ci sono tanti altri vivai. Da me -che è una zona giardinicolamente sottosviluppata- si trova anche al mercatino del giovedì.

  2. Grazie a lei ho di nuovo la rosa Coktail e fra qualche

    giorno posso ritirare in libreria Giardiniere per

    Diletto.

    A.C.

  3. ciao lidia, ma dove è il tuo mercatino?
    io ho poi acquistato due esemplari di coktail ma dopo la fioritura mi sono morte.
    le altre varietà stanno tutte ottimamente,
    vorrei saper che ploblemi ha..
    saluti a quanti scrivon qui..
    laura.torino

    • Il mio mercatino è nel paesello mio, Siderno. Se chiedi una ‘Cocktail’ alla persona giusta è difficile che ti arrivi un’altra rosa, per quanto sta diventando sempre più impopolare. Può darsi che da te abbia sofferto un po’ il freddo, tieni conto che comunque non cresce altissima e ha bisogno del suo tempo per accestire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...