Intervista a Giovanni Scaramuzzino

Sunset Boulevard

In data 29 aprile 2017 Tele Mia per comporre un articolo ha ripreso in parte, senza citarla, una mia intervista al collega Scaramuzzino di qualche anno addietrohttp://www.telemia.it/2017/04/locride-rc-giovanni-scaramuzzino-roccella-jonica-voce-storica-dello-sport-della-rai/

Interpellati i responsabili della pagina Facebook dell’emittente televisiva hanno risposto “picche”, ripubblicando il post senza alcuna correzione riguardo il “prelevamento”, oltre ad aver cancellato il mio commento con riferimento all’ intervista…

Un’ode conclamata alla deontologia professionale.

Ai posteri.

Antonio Falcone   

*******************************

Giovanni Scaramuzzino

Il nome del giornalista Giovanni Scaramuzzino  (nato a Reggio Calabria il 29 novembre 1967, ma roccellese di adozione) è legato soprattutto al mondo dello sport e del ciclismo: ci ha infatti emozionato al seguito del Giro d’Italia dal 1996, del Tour de France e delle grandi classiche dal 1998, radio-trasmettendo in diretta le fasi finali delle corse dalla sella di una moto, un’esperienza certo molto particolare, ben visualizzata nel suo libro Fino all’ultimo chilometro. Il Giro d’Italia…

View original post 1.263 altre parole

I boccioli di lillà (la promessa, la svolta, il prestigio)

Era un’estate torrida, asciutta.
Andammo alla fiumara dell’Amendolea a vedere antiche rovine. Tra le vecchie e nobili pietre, disincastrate dalla loro posizione da tellurici eventi e bradisismi, i fiori e le piante della gariga: cardaccioni, verbaschi, malva, scabiosa, centranthus rosso, convolvoli e una cotica di erbe, verdi, grigie e marroncine, difficili da catalogare senza un manuale. Sul fondo del vallone, a cercar acqua, oleandri rosa e rossi come un rivo di colore appena spremuto dal tubetto.
In alto, sulla rocca, c’era una apiacea insolita, neanche il dr. Porcelli era riuscito nell’identificazione. Sfiorita, le infiorescenze parevano ventagli color biscotto, grandi, da farti venire l’acquolina in bocca. Mi riempii le tasche di semi e li buttai in giardino.

Ma non è lei l’apiacea che è nata. È lo Smyrnium olusatrum, i cui semi ho raccolto un po’ ovunque, ai bordi delle strade. Lo Smyrnium è una pianta molto meno chic di quella della fiumara Amendolea, non è necessario percorrere salite spezzagambe, sul ciglio del dirupo, pregando la madonna, dio e tutti i santi di non cadere di sotto, basta fermare l’auto se si avvista. Freccia a destra e parcheggio. Nessuna acrobazia. Che banalità, Smyrnium.

Il primo vero verde di prima primavera è il suo. Quello e il bianco di una comune spirea basterebbero a saziare i miei occhi, tanto che vorrei tutto si fermasse lì: il verde acido dello Smyrnium e il bianco a coriandoli della spirea. Quando i cani ci passano sotto e ne escono coperti di petali bianchi, come delle spose, io non posso chiedere di più
Non oltre, vi prego!

Il verde pubescente delle nuove foglie mi acceca, la massa di boccioli sulle rose attende come una cupola di proiettili pronti all’innesco. Alcune rose vanno così in fretta che da un giorno all’altro il verde scrigno del bocciolo si apre, mostrando una forma quasi cubica, con la base di un rosso che sembra sangue uscito dalla bocca di un gatto ammazzato.
Fermatevi, pazze! Non sapete cosa c’è dopo? C’è la banalità del fiore aperto, che dio, può essere il più bello del mondo, ma non è più una promessa, non è più il sogno, non è più il desiderio. È quando tutto finisce, il momento di freddo che prende il corpo e lo irrigidisce. È l’obbligo di pensare: “Che bello, è bellissimo, è superlativo: tanti mesi di attesa ricompensati da quest’unico fiore”. Mentre tu pensi solo che dovrebbe piacerti e non capisci perché, sì ti piace, corpo se ti piace, ma ti piaceva più prima. Molto di più. Preferivi il bocciolo con i petali quasi invisibili, e la base ovoidale, tonda, gonfia, appena toccata di scarlatto.
Se tutto rimanesse così: una promessa di un bel domani. Come nel film The prestige, le tre fasi della magia: la promessa, la svolta, il prestigio.

Il prestigio sono le carnose foglie del sedum già richiuse su sé stesse per evitare la traspirazione, quelle grandi, enormi dell’acanto flosce come bollite, pronte per giganteschi falafel.
La lavanda apre le sue spighe grigie, lasciando intravedere un viola lillacino destinato a diventare un marrone cianotico dopo la sfioritura e fino alla potatura. I fiori di lillà sbocciano, rosa, rosini, banalotti. La pianta sta lì e io non la tolgo: è tanto bella, quando è carica grappoli piccoli e verdi, con quelle sue foglioline fini, a forma di cuore, che ti viene voglia di avere quindici anni, staccarle e metterle nel diario di scuola. Poi tutto si guasta con la fioritura, così dozzinale, poi. Il lillà, una varietà comune trovata per santo miracolo al mercato, inizia la fioritura con un rosa edematoso, malato, tendente al grigio. Poi i fiorellini, pur graziosi, si aprono e diventano del colore che dà il nome alla pianta.
La spirea ha perso tutte le sue bellezze, i petali bianchi sono diventati di quel tipico color marrone delle cose vegetali morte o sfiorite. Lo Smyrnium è andato: ormai sta formando le capsule dei semi. È già tutto vecchio.
Il glicine ha sparato le sue cartucce e ora mette nuovo fogliame, come se potesse riscattarsi di essere sfiorito.

Il prestigio.

Salva

Il Giardino delle Iris di Trebecco: l’eredità botanica di Luigi Mostosi alla figlia Cristina

13-papa-luigi-durante-libridazioneQuesta è la storia di un giardino e di stretti legami familiari. Quando la passione per le piante e i giardini ci ha fatte incrociare, la vicenda familiare di Cristina mi ha colpita in un modo che non so neanche io stessa raccontare.
L’amore che il padre aveva per le due figlie viene oggi ricambiato con la tenerezza del ricordo e la prosecuzione del lavoro e della passione della vita. E tutto questo è espresso dalla bellezza di un giardino, e dal finalmente acquietato ricordo dolce e amoroso, che vi giuro, da esso emana così forte da poterlo toccare, ogni volta che lo sguardo si appoggia su un fiore di iris, si tocca l’amore.
Luigi Mostosi aveva quasi 30 ibridi registrati all’American Iris Society, si era gettato nell’ibridazione per sopire un dolore incolmabile, la perdita della figlia minore Paola.
Dopo la scomparsa prematura del padre, è stata Cristina a occuparsi del giardino. È nella sua voce, nel suo entusiasmo non spento, ma solo reso più saggio e paziente, che si percepisce distintamente la presenza del padre e della sorella come persone fisiche, presenti e mai andate via. E io stessa, che il giardino non l’ho mai visitato, nettamente vedo tre figure lavorare tra le file di rizomi.
Il Giardino delle Iris di Trebecco, nel bergamasco, oggi prende forme diverse dal dolore, volgendosi all’aspetto più prettamente botanico e progettuale, al quale Cristina lavora alacremente ormai da alcuni anni.

4-fioritura-della-parte-alta_a

Le abbiamo chiesto di parlarci delle modifiche al giardino e dei suoi progetti, delle sue infinite idee che hanno come fulcro Il Giardino delle Iris di Trebecco.

Nel lavorare al tuo giardino, non hai subito intuito che fosse un patrimonio botanico di rilievo nazionale, come è arrivata la consapevolezza?

Mio padre coltivava ed ibridava iris barbate da più di trent’anni, pertanto fin da ragazzina il binomio iris-Giardino di Trebecco mi veniva naturale.
Forse ho percepito la portata della collezione delle iris quando mi è stata lasciata in eredità da papà, quando ho iniziato a mettere mano alla mole dei suoi appunti botanici, quando ho trovato a casa sua gli innumerevoli certificati di registrazione dell’American Iris Society, la massima autorità in materia.
Nell’ ottobre del 2016 sono stata invitata a partecipare come relatrice al Festival dei Giardini Veneziani (organizzato da Wigwam Club Giardini Storici di Venezia), per presentare il mio progetto di conservazione e sviluppo della collezione di iris. In quest’occasione ho conosciuto Luciano Cecchetti, Capo Tecnico dei Giardini delle Ville Pontificie (in passato responsabile dei Giardini Vaticani di Roma). Luciano mi ha caldamente spronato a proseguire nel mio progetto sottolineando l’unicità e il valore botanico del giardino.

Hai espresso il desiderio e l’intenzione di creare una rete culturale giardinicola avente come cuore il giardino de “Le Iris di Trebecco”: ci illustri il tuo progetto e i tuoi desideri?

Sono fermamente convinta che un giardino (non necessariamente storico) potenzialmente possegga la capacità di far ruotare intorno a sé le più disparate energie: cultura, turismo, nuove professionalità, servizi legati all’accoglienza ed alla didattica e tante altre ancora.
Il mio obiettivo è organizzare e gestire opportunamente il Giardino delle Iris di Trebecco, dando vita a un “circuito virtuoso” capace da una parte di generare stimoli anche economici e dall’altra di valorizzare e tutelare l’ambiente.
Sto avviando una comunicazione generativa di nuove relazioni con le istituzioni locali, dando vita a cooperazioni tra le varie associazioni locali con l’obiettivo di determinare ricadute positive sul territorio in cui è situato il giardino.
Il mio sogno è quello di definire una sorta di “distretto”: un’area geografica dove agricoltori, vivaisti, aziende agricole, cittadini, operatori turistici, associazioni e pubbliche amministrazioni stringano accordi per la gestione sostenibile delle risorse locali.

Hai pensato a una attività florovivaistica?

In realtà sì, ma è tutto in divenire. Anche se ho riservato una zona alla moltiplicazione delle iris, allo stato attuale le mie priorita’ restano la conservazione, lo sviluppo e la pubblicizzazione del giardino.
A questo proposito sono orgogliosa di anticipare che sarò presente il 13 e 14 maggio al Garden Festival che si terra’ a Rovato (BS) presso il Castello Quistini, sia come standista sia in veste di relatrice.

14-iris-in-primo-piano_a

Dal punto di vista strettamente orticolo, quali sono i tuoi obiettivi entro i prossimi anni?

Uno dei miei obiettivi primari per i prossimi anni riguarda la classificazione di tutte le iris della mia collezione, individuando gli ibridi creati da mio papà in 30 anni di ricerche.
Tutte le tipologie classificate verranno poi divise e moltiplicate per essere destinate alla vendita.


Intendi aprire il giardino al pubblico durante la fioritura delle Iris?

Dalla scorsa estate ho investito tutto il mio tempo libero nel giardino.
Ho voluto mettere in sicurezza la parte in pendio del giardino e creare delle terrazze ove trapiantare le iris e ne sto ancora costruendo.
Sto mantenendo fedelmente il tracciato del giardino progettato da mio papà, ma le iris le ho distribuite in modo piu’ sinergico.
Ho programmato l’apertura per la primavera 2018, ispirandomi all’abitudine tipicamente anglosassone di aprire le porte dei giardini privati in determinati periodi. Aprirò il Giardino delle Iris di Trebecco tra metà aprile e fine maggio a un pubblico amante della Natura, per poter condividere lo spettacolo emozionante della fioritura di queste piante tanto amate da mio padre: un’esperienza sensoriale unica e commovente, come in un quadro di Monet.
Sempre nell’ottica della valorizzazione delle bellezze e potenzialità del territorio, proporrò anche una vacanza di uno o più giorni in totale immersione in una natura lussureggiante. L’auto non verra’ mai utilizzata ma si faranno delle passeggiate green: un andar lento tra giardini, chiesette romaniche, castelli medioevali, degustando prodotti a chilometro zero dalla prima colazione, al brunch, fino alla cena. Si pernotterà in un agriturismo che è anche un’azienda vitivinicola. La Natura non ci abbandonerà mai e noi ci ritempreremo con essa.

Un consiglio per chiunque voglia coltivare iris barbate alte? (siamo pur sempre un blog di giardinaggio!)

È una pianta rustica, resistente sia al caldo che al freddo, semplice da coltivare. Una pianta dalle basse pretese che cresce anche su terreni poveri e non richiede grandi concimazioni. Amante del pieno sole e resistente alla siccità, anche se tollera comunque la mezz’ombra. L’ideale è orientare le piantine da nord verso sud, in modo da permettere una “cottura” estiva del rizoma, fatto indispensabile per una corretta crescita della pianta. I rizomi vanno piantati a fine estate-inizio autunno. Vanno bene terreni calcareo-argillosi, con buona permeabilità. I rizomi non vanno piantati in profondità, ma superficialmente. Al momento dell’interramento non bisogna dimenticarsi di annaffiarli per favorire l’attecchimento. Nei due periodi di febbraio-primi di marzo e settembre-primi di ottobre è consigliabile concimare con concime minerale (con poco azoto, più fosforo e potassio. Ad esempio: 5-10-10). Dopo tre o quattro anni i rizomi si moltiplicano e si accavallano l’uno sull’altro. Meglio, quindi, dividerli e ripiantarli evitando così l’eccessiva fittezza che causerebbe la riduzione o assenza di fioritura e la diffusione di parassiti.
Un giardino è sempre in divenire, difficile arrestarne la crescita ed i mutamenti; l’importante è non farlo invecchiare e morire.

8-scala-di-collegamento-fiorita_a

Ci racconti un aneddoto su tuo padre, che ha lasciato questo grande patrimonio botanico?

Qualche giorno fa, mettendo mano agli innumerevoli documenti di mio padre, ho trovato la locandina della mostra che aveva allestito dall’1 al 26 maggio 2002 in occasione del trentennale dell’Orto Botanico L.Rota di Bergamo.
La mia famiglia era devastata dal dolore: da poco piu’ di un mese mia sorella Paola di 24 anni era stata assurdamente assassinata da uno sconosciuto.
Questo è quello che la Direzione del Giardino Botanico ha voluto scrivere:
“LA BELLEZZA SALVERA’ IL MONDO” – dedicato a Paola.
Luigi Mostosi, l’autore di questa collezione frutto di anni di ibridazioni, è stato colpito recentemente da un tremendo e tragico evento familiare. Possiamo solo immaginare i molti ripensamenti che nel dolore profondo ha provato. Ha deciso che la mostra dovesse essere inaugurata. Gli sono grato perché ha deciso che la bellezza deve vincere la brutalità, che per salvare il mondo ci si deve aggrappare ad essa. L’Orto Botanico di Bergamo si fa interprete di questo desiderio non con una festa, come avremmo voluto prima della tragedia, ma con l’invito alla gioia, all’ammirazione, alla curiosità che le forme delle Iris sono in grado di suscitare. Se durante la visita percepiremo il nostro cuore allietato, Luigi Mostosi avrà un sostegno in più per guardare avanti. Grazie Luigi ci stringiamo tutti intorno a te ed alla tua famiglia”.

Questo era mio Padre: grande equilibrio, grande cuore, grande forza e determinazione, grande esempio di vita.

12-cristina-tra-le-iris_a

Grazie Cristina.

Gli Oscar 2017 che volevano essere politicamente corretti

Odio con tutte le mie forze l’espressione “politicamente corretto”. È da stronzi. Lo associo a una vecchia amicizia giardinicola che faceva il refugium peccatorum del forum di CdG, e questo me la rende forse più odiosa.
Non voglio trattenervi: so che avete poco tempo, andate di corsa e che la soglia di stanchezza insorge dopo i 140 caratteri. Perciò non sarò breve.
Denzel Washington è diventato grigio, letteralmente grigio, all’annuncio della vittoria di Casey Affleck. Non so se si attendesse di vincere, penso di no, se devo essere sincera. Ma credo che lui, più di ogni altro, abbia in quel momento compreso come agli attori neri siano state date le briciole.
Questa kermesse dichiaratamente antipresidenziale, che si proproneva mediaticamente come “gli Oscar dei neri”, ha fatto quello che gli USA fanno di solito: premiare i bassi gradi (migliori attori non protagonisti) e consegnare statuette bianche e yankee ai vertici (Affleck, Stone, Chazelle). Durante la Prima Guerra Mondiale i neri non potevano diventare ufficiali, e in centododici anni non è cambiato niente.
Ci credo che Washington è diventato grigio, lo sarei diventata anche io, se avessi capito che anche nella cerimonia più “emancipata” nella storia dell’Academy Award le cose andavano come sono sempre andate (a parte una busta di scorta in soccorso al termine della premiazione).
I film con il vero “potenziale nero” sono stati ignorati, come Il diritto di contare, e i premi più illustri riservati ai bianchi.
La la Land alla fin fine ripropone il sogno americano, il sogno sognato dai sognatori delusi, che non ci credono più. Ma poi alla fine succede, perché tutto può succedere nella grande America.

Gli Stati Uniti d’America, nati su un’estinzione razziale e su secoli di torture schiaviste, non hanno mai avuto il cinema realista, e perciò hanno creato modelli e stili di incomparabile bruttezza e assurdità.
Ora però ce l’hanno, il cinema realista: gliel’hanno dato quelli che loro hanno tenuto in catene per secoli, a cui non era consentito entrare nei bar fino agli anni ’60, nell’America bella, nostalgica, romantica e pasticciona dipinta da Norman Rockwell.
Sempre quelli, quelli ammazzati come tordi dietro le siepi, gli hanno dato la forma musicale più innovativa del Novecento, il Jazz.
La Grande Madre America, che non ha storia dietro di sé se non quella di coloro che ha sterminato.

Come abbinare le foglie in giardino (su Houzz)

Troppo spesso si confonde il giardino con fiori, ma per ogni fiore ci saranno centinaia di foglie. I giardini sono fatti da foglie, più che da fiori, e imparare a mescolarli bene fa la differenza tra un giardino comune e mediocre, e un giardino solido, strutturato e bello in ogni stagione.