6 agosto 2012, ore 07:31

Una notte insonne ad inseguire i movimenti di Curiosity. Mi ero ripromessa di dormirci su, ma non ce l’ho fatta.
Si è capito che tutto andava bene quando al JPL hanno iniziato ad applaudire. Curiosity è ammartata circa alle sette e un quarto, ma noi abbiamo avuto la conferma solo alle sette e trentuno. La gioia allora è esplosa in maniera incontenibile.

In attesa, tutti molto intenti alle loro operazioni, tazze di caffè ovunque


La sala di controllo missione al JPL


Seguendo la telemetria


L’esultanza immediatamente successiva alla prima conferma dell’ammartaggio


La gioia di un lavoro fatto a regola d’arte


Un viaggio incredibile per un robottino, un salto enorme per l’umanità

Curiosity è scivolata a poche centinaia di metri dal punto previsto, è in perfetto assetto orizzontale: lo dimostrano le prime due foto inviate dalla telecamera a bassa risoluzione

Ben fatto, Curiosity!