Antonia lotta contro Mafalda

Abbiamo una biscia in giardino. L’abbiamo sempre avuta, da che mi ricordo io. L’estate si fa vedere qualche volta e noi saltiamo su e ci spaventiamo, ma poi diciamo sempre: “Ma che vuoi che sia, una biscetta d’acqua, mangia i topi e le zanzare” e poi concludiamo con la proverbiale frase: “Ha più paura lei di noi che noi di lei”.
Con il caldo il giardino è quotidianamente frequentato da mio padre e dai fisioterapisti, che ce lo portano per irrobustirlo. La signora ha visto la biscia e si è spaventata: ha un’idea di giardino diversa dalla nostra.
Mia madre, colpita nel vivo di buona padrona di casa, si è sentita in dovere di eliminare la biscia, o perlomeno di limitarne la libertà. Ha perciò deciso di radere al suolo le erbacce, i rimasugli dei nasturzi, le foglie secche dell’agave, di abbattere i malvoni, gli acanti, i cardacci e gli altri fogliami, di rastrellare le arance e le more cadute, le foglie secche per l’arsura.
Io la lascio fare, tanto so che l’anno prossimo ci sarà nuova vegetazione, e se Gilles Clément volesse vedere un giardino in vero movimento, che venisse a casa mia: basterebbe solo mia madre per fargli venire un giramento di testa.

Mia madre parla della biscia chiamandola “Mafalda”.
“Mafalda ha fatto i piccolini”, “Mafalda si è ingrassata: ha mangiato un topo intero”, “Ma lo sai che Mafalda è anche il nome della moglie di Giulio…ah, no, la moglie di Giulio si chiama Adelaide”.
Mafalda qua, Mafalda là.
Mafalda è un argomento di conversazione a casa mia.
A dire il vero non so se la Mafalda dei miei tempi è la stessa Mafalda di adesso: non so quanto campi un serpente.
Mafalda. Ma che razza di nome.

8 pensieri su “Antonia lotta contro Mafalda

  1. Leggo la tua storia di Mafalda e penso alla nostra di Fido.

    Sono ormai una decina di anni che tutti gli anni Fido gironzola per il giardino, ogni tanto è accompagnato da piccoli figlioletti, quindi temiamo che sia più una Fida che un Fido, temo però che non andrebbero daccordo con la vostra Mafalda: Fido è un riccio.

    • Pure io avevo dei Fidi. Solo che il mio fido-fido (Zaira prima, Bibo poi) se li sono fatti fuori. Non esiste niente di peggio di un cane per i ricci. Il cane è una devastazione in giardino. Quindi senza Fidi, Mafalda ha campo libero.
      I Fidi mi mancano molto. Non c’è animaletto più gradevole da avere in giardino che il riccio.

      • uguale per me,ne ho salvato uno dalle fauci di Clinton( il cane di Giovanni) la scorsa estate.Un vero peccato sono animali tra i più belli da avere in giardino,utilissimi è vero, ma anche servissero solo alla contemplazione..Di Mafalde ( Antonia è un genio ) ne ho famiglie, depongono le uova nelle vasche della sabbia dietro casa,sono sempre molto attenta e cauta quando mi serve un pochino di sabbia per le grasse..Ci sono pure molti ramarri,meravigliosi, smeraldini ma graditi ai gatti,accidenti!! Ti mando le foto del riccio,vuoi? Vero il cane è parente di Conan il barbaro in un giardino, ma che fare? nulla, te lo tieni,lo ami e piangi di nascosto……..sennò lo turbi!

  2. Lidia hai mai scritto un post o un articolo sul giardino su misura per i cani? ormai hai maturato una notevole esperienza!
    Anche a me i ricci piacciono molto, invece riscordo che mia nonna li uccideva (SOB!) perchè asseriva che possono uccidere le
    saluti

    • Infatti mi devo applicare sulla questione. Adesso sto scrivendo un grosso articolo sui meadow gardens, che mi piglia molte energie e vedrà la luce tra un bel po’, ma poi mi devo dedicare a quello sui cani.

  3. Pingback: Antonia piange Mafalda « Giardinaggio Irregolare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.