L’uomo e gli animali: un rapporto senza tempo

Giovedì 2 dicembre a S. Ilario dello Ionio (RC) si terrà l’inaugurazione della mostra curata dalla Soprintendenza per i Beni archeologici della Calabria:
L’uomo e gli animali, un rapporto senza tempo

L’inaugurazione partirà alle ore 17, e si terrà nelle sale di Palazzo Carbone-Speziale.
La mostra L’uomo e gli animali: un rapporto senza tempo è una collaborazione tra la Soprintendenza per i Beni archeologici della Calabria e il comune di S. Ilario dello Ionio.

La mostra itinerante è curata da Rossella Agostino, funzionario della Soprintendenza per i Beni archeologici della Calabria e direttrice del Museo nazionale di Locri, è partita da Reggio Calabria nel 2002 e, di recente, ammirata pure ad Atene.
Dodici pannelli illustrativi e preziosi reperti provenienti dal territorio della Locride illustrano il millenario rapporto tra l’uomo e l’animale che, nei secoli, è stato di volta in volta compagno di giochi, amico fedele, mezzo di trasporto, vittima sacrificale, fonte di sostentamento.

Leda e il Cigno in un'antica pittura vascolare

Attraverso rinvenimenti da scavo e testimonianze letterarie, abbiamo potuto appurare la ricchezza di documentazioni sul tema – spiega Rossella Agostino – L’animale, che è sempre stato, a vario titolo, parte integrante della vita dell’uomo, ha pure ispirato opere di alto pregio artistico e piccoli prodotti artigianali, come i numerosi ex voto fittili e bronzei esposti nelle sale dei musei italiani e non solo.

Un’apposita sezione, curata in collaborazione con università, enti ed associazioni ambientaliste, è inoltre dedicata al mondo contemporaneo e ad alcune problematiche legate al rapporto tra uomo e animali.

Vogliamo ringraziare la Soprintendenza per i Beni archeologici della Calabria e, in particolare, la dott.ssa Rossella Agostino, per avere scelto la nostra cittadina quale tappa di questa interessante e originale mostra itinerante – dichiara il sindaco Pasquale Brizzi -.E’ l’occasione per tornare a parlare delle nostre radici, delle testimonianze storiche presenti sul territorio e, al tempo stesso, per rilanciare sull’attualità i temi ambientalisti e del vivere armonico con tutti gli esseri viventi. Un importante momento di crescita per la nostra cittadina di cui siamo davvero grati alla Soprintendenza e da cui ci si augura possa avviarsi una proficua collaborazione nel tempo.

All’inaugurazione, curata in collaborazione con la Pro Loco presieduta da Ugo Mollica, interverranno la direttrice del museo nazionale di Locri, Rossella Agostino, il sindaco Pasquale Brizzi, il consigliere provinciale Omar Minniti, il coordinatore della Lav Calabria Roberto Vecchio Ruggeri e numerosi rappresentanti istituzionali e di associazioni ambientaliste.

Per informazioni – Ufficio Stampa Comune S. Ilario dello Ionio – 349/2682277

7 pensieri su “L’uomo e gli animali: un rapporto senza tempo

  1. Ho commesso un errore nella scelta della foto, con la quale cercavo di veicolare una mia idea zoofila (la foto precedente invitava a all’adozione degli animali). La mostra di sant’Ilario è invece una ricostruzione storica, attraverso i reperti del Museo di Locri e in genrale della zona megaellenica, del rapporto che ha legato l’uomo all’animale. Un rapporto basato più spesso sugli interessi dell’econonomia, della gestione delle terre e della casa, che non sull’aspetto più schiettamente empatico e sentimentale. Ovviamente all’epoca gli animali subivano certo sfruttamento e anche maltrattamenti, ma in forma diversa e in misura minore di adesso, alcuni erano addirittura venerati e considerati sacri, altri erano sacrificati nei riti religiosi.
    la mostra non è dunque rivolta ad una sensibilizzazione sul moderno problema del maltrattamento, ma è un percorso storico su un aspetto sociale molto importante nella storia dell’uomo.

  2. Io credo che la biofilia sia un po’ diffusa tra tutti gli animali, magari tra gli insetti no,ma di sicuro tra i mammiferi. Cani e gatti che vivono insieme, i cavalli che hanno il “cow sense”, i grandi felini che adottano le cucciolate delle altre mamme, e via dicendo.
    Comunque! Domani andrò all’inaugurazione e vi farò sapere.

  3. I delfini, sia tursiopi che stenelle, hanno una forte biofilia. Sono sicura che in questa mostra ci sarà un accenno ad Arione (che non è l’er-uan).

  4. Certamente è una bellissima mostra, con ottimi intenti.
    Se esistesse in parallelo anche la REALE cura delle bestie viventi sarei felice di vederla,così non è, e le mie priorità sono altre,anzi le loro priorità.

  5. Lo sai, vero lidia, che le formiche portano gli afidi sulla tua amata Pierre de Rostand, le inducono a mangiare i suoi germoglini e poi le mungono? Poi l’uomo mangia le formichine e fa la marmellata con i petali di rosa. Biofilia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...