Il Giardino delle Iris di Trebecco: l’eredità botanica di Luigi Mostosi alla figlia Cristina

13-papa-luigi-durante-libridazioneQuesta è la storia di un giardino e di stretti legami familiari. Quando la passione per le piante e i giardini ci ha fatte incrociare, la vicenda familiare di Cristina mi ha colpita in un modo che non so neanche io stessa raccontare.
L’amore che il padre aveva per le due figlie viene oggi ricambiato con la tenerezza del ricordo e la prosecuzione del lavoro e della passione della vita. E tutto questo è espresso dalla bellezza di un giardino, e dal finalmente acquietato ricordo dolce e amoroso, che vi giuro, da esso emana così forte da poterlo toccare, ogni volta che lo sguardo si appoggia su un fiore di iris, si tocca l’amore.
Luigi Mostosi aveva quasi 30 ibridi registrati all’American Iris Society, si era gettato nell’ibridazione per sopire un dolore incolmabile, la perdita della figlia minore Paola.
Dopo la scomparsa prematura del padre, è stata Cristina a occuparsi del giardino. È nella sua voce, nel suo entusiasmo non spento, ma solo reso più saggio e paziente, che si percepisce distintamente la presenza del padre e della sorella come persone fisiche, presenti e mai andate via. E io stessa, che il giardino non l’ho mai visitato, nettamente vedo tre figure lavorare tra le file di rizomi.
Il Giardino delle Iris di Trebecco, nel bergamasco, oggi prende forme diverse dal dolore, volgendosi all’aspetto più prettamente botanico e progettuale, al quale Cristina lavora alacremente ormai da alcuni anni.

4-fioritura-della-parte-alta_a

Le abbiamo chiesto di parlarci delle modifiche al giardino e dei suoi progetti, delle sue infinite idee che hanno come fulcro Il Giardino delle Iris di Trebecco.

Nel lavorare al tuo giardino, non hai subito intuito che fosse un patrimonio botanico di rilievo nazionale, come è arrivata la consapevolezza?

Mio padre coltivava ed ibridava iris barbate da più di trent’anni, pertanto fin da ragazzina il binomio iris-Giardino di Trebecco mi veniva naturale.
Forse ho percepito la portata della collezione delle iris quando mi è stata lasciata in eredità da papà, quando ho iniziato a mettere mano alla mole dei suoi appunti botanici, quando ho trovato a casa sua gli innumerevoli certificati di registrazione dell’American Iris Society, la massima autorità in materia.
Nell’ ottobre del 2016 sono stata invitata a partecipare come relatrice al Festival dei Giardini Veneziani (organizzato da Wigwam Club Giardini Storici di Venezia), per presentare il mio progetto di conservazione e sviluppo della collezione di iris. In quest’occasione ho conosciuto Luciano Cecchetti, Capo Tecnico dei Giardini delle Ville Pontificie (in passato responsabile dei Giardini Vaticani di Roma). Luciano mi ha caldamente spronato a proseguire nel mio progetto sottolineando l’unicità e il valore botanico del giardino.

Hai espresso il desiderio e l’intenzione di creare una rete culturale giardinicola avente come cuore il giardino de “Le Iris di Trebecco”: ci illustri il tuo progetto e i tuoi desideri?

Sono fermamente convinta che un giardino (non necessariamente storico) potenzialmente possegga la capacità di far ruotare intorno a sé le più disparate energie: cultura, turismo, nuove professionalità, servizi legati all’accoglienza ed alla didattica e tante altre ancora.
Il mio obiettivo è organizzare e gestire opportunamente il Giardino delle Iris di Trebecco, dando vita a un “circuito virtuoso” capace da una parte di generare stimoli anche economici e dall’altra di valorizzare e tutelare l’ambiente.
Sto avviando una comunicazione generativa di nuove relazioni con le istituzioni locali, dando vita a cooperazioni tra le varie associazioni locali con l’obiettivo di determinare ricadute positive sul territorio in cui è situato il giardino.
Il mio sogno è quello di definire una sorta di “distretto”: un’area geografica dove agricoltori, vivaisti, aziende agricole, cittadini, operatori turistici, associazioni e pubbliche amministrazioni stringano accordi per la gestione sostenibile delle risorse locali.

Hai pensato a una attività florovivaistica?

In realtà sì, ma è tutto in divenire. Anche se ho riservato una zona alla moltiplicazione delle iris, allo stato attuale le mie priorita’ restano la conservazione, lo sviluppo e la pubblicizzazione del giardino.
A questo proposito sono orgogliosa di anticipare che sarò presente il 13 e 14 maggio al Garden Festival che si terra’ a Rovato (BS) presso il Castello Quistini, sia come standista sia in veste di relatrice.

14-iris-in-primo-piano_a

Dal punto di vista strettamente orticolo, quali sono i tuoi obiettivi entro i prossimi anni?

Uno dei miei obiettivi primari per i prossimi anni riguarda la classificazione di tutte le iris della mia collezione, individuando gli ibridi creati da mio papà in 30 anni di ricerche.
Tutte le tipologie classificate verranno poi divise e moltiplicate per essere destinate alla vendita.


Intendi aprire il giardino al pubblico durante la fioritura delle Iris?

Dalla scorsa estate ho investito tutto il mio tempo libero nel giardino.
Ho voluto mettere in sicurezza la parte in pendio del giardino e creare delle terrazze ove trapiantare le iris e ne sto ancora costruendo.
Sto mantenendo fedelmente il tracciato del giardino progettato da mio papà, ma le iris le ho distribuite in modo piu’ sinergico.
Ho programmato l’apertura per la primavera 2018, ispirandomi all’abitudine tipicamente anglosassone di aprire le porte dei giardini privati in determinati periodi. Aprirò il Giardino delle Iris di Trebecco tra metà aprile e fine maggio a un pubblico amante della Natura, per poter condividere lo spettacolo emozionante della fioritura di queste piante tanto amate da mio padre: un’esperienza sensoriale unica e commovente, come in un quadro di Monet.
Sempre nell’ottica della valorizzazione delle bellezze e potenzialità del territorio, proporrò anche una vacanza di uno o più giorni in totale immersione in una natura lussureggiante. L’auto non verra’ mai utilizzata ma si faranno delle passeggiate green: un andar lento tra giardini, chiesette romaniche, castelli medioevali, degustando prodotti a chilometro zero dalla prima colazione, al brunch, fino alla cena. Si pernotterà in un agriturismo che è anche un’azienda vitivinicola. La Natura non ci abbandonerà mai e noi ci ritempreremo con essa.

Un consiglio per chiunque voglia coltivare iris barbate alte? (siamo pur sempre un blog di giardinaggio!)

È una pianta rustica, resistente sia al caldo che al freddo, semplice da coltivare. Una pianta dalle basse pretese che cresce anche su terreni poveri e non richiede grandi concimazioni. Amante del pieno sole e resistente alla siccità, anche se tollera comunque la mezz’ombra. L’ideale è orientare le piantine da nord verso sud, in modo da permettere una “cottura” estiva del rizoma, fatto indispensabile per una corretta crescita della pianta. I rizomi vanno piantati a fine estate-inizio autunno. Vanno bene terreni calcareo-argillosi, con buona permeabilità. I rizomi non vanno piantati in profondità, ma superficialmente. Al momento dell’interramento non bisogna dimenticarsi di annaffiarli per favorire l’attecchimento. Nei due periodi di febbraio-primi di marzo e settembre-primi di ottobre è consigliabile concimare con concime minerale (con poco azoto, più fosforo e potassio. Ad esempio: 5-10-10). Dopo tre o quattro anni i rizomi si moltiplicano e si accavallano l’uno sull’altro. Meglio, quindi, dividerli e ripiantarli evitando così l’eccessiva fittezza che causerebbe la riduzione o assenza di fioritura e la diffusione di parassiti.
Un giardino è sempre in divenire, difficile arrestarne la crescita ed i mutamenti; l’importante è non farlo invecchiare e morire.

8-scala-di-collegamento-fiorita_a

Ci racconti un aneddoto su tuo padre, che ha lasciato questo grande patrimonio botanico?

Qualche giorno fa, mettendo mano agli innumerevoli documenti di mio padre, ho trovato la locandina della mostra che aveva allestito dall’1 al 26 maggio 2002 in occasione del trentennale dell’Orto Botanico L.Rota di Bergamo.
La mia famiglia era devastata dal dolore: da poco piu’ di un mese mia sorella Paola di 24 anni era stata assurdamente assassinata da uno sconosciuto.
Questo è quello che la Direzione del Giardino Botanico ha voluto scrivere:
“LA BELLEZZA SALVERA’ IL MONDO” – dedicato a Paola.
Luigi Mostosi, l’autore di questa collezione frutto di anni di ibridazioni, è stato colpito recentemente da un tremendo e tragico evento familiare. Possiamo solo immaginare i molti ripensamenti che nel dolore profondo ha provato. Ha deciso che la mostra dovesse essere inaugurata. Gli sono grato perché ha deciso che la bellezza deve vincere la brutalità, che per salvare il mondo ci si deve aggrappare ad essa. L’Orto Botanico di Bergamo si fa interprete di questo desiderio non con una festa, come avremmo voluto prima della tragedia, ma con l’invito alla gioia, all’ammirazione, alla curiosità che le forme delle Iris sono in grado di suscitare. Se durante la visita percepiremo il nostro cuore allietato, Luigi Mostosi avrà un sostegno in più per guardare avanti. Grazie Luigi ci stringiamo tutti intorno a te ed alla tua famiglia”.

Questo era mio Padre: grande equilibrio, grande cuore, grande forza e determinazione, grande esempio di vita.

12-cristina-tra-le-iris_a

Grazie Cristina.

Moree e lampascioni

Morea _lampascione

Il fiore, immagine simbologia e società

Desidero ringraziare la signora Sandra Santolini che ha promosso e curato l’intero progetto, l’ente che l’ha finanziato e la città di Forlì per l’ospitalità. Un ringraziamento a parte per i miei amici della zona romagnola, che mi accolgono sempre affettuosamente e mi fanno sempre sentire a casa mia.

Introduzione

Borchardt, nel suo Il giardiniere appassionato dice senza parafrasare che applicare ai fiori una simbologia rallenta enormemente il loro percorso verso l’essere. Questo è vero se ci limitiamo a banalità come “le rose gialle significano gelosia”, “le violette timidezza”, “la pervinca ricordo”, ecc, fino a comporre una sorta di smorfia napoletana dei fiori.
Ma bisogna sapere vedere oltre questo schermo opaco: nella storia dell’uomo, infatti, i fiori hanno per secoli rivestito valore simbolico. La domanda che dobbiamo porci non è “che cosa significhino”, ma “perché significano?”. Sempre stando a Borchardt, che analizza l’argomento con grande sensibilità e profondità di pensiero, il fiore è semplicemente simbolo di se stesso: di una vita che rivive, forse non domani e forse non il prossimo mese, ma di certo la prossima stagione, e la prossima ancora, indipendentemente dal nostro volere o dal nostro capriccio, indipendentemente anche dalla nostra esistenza.
E’ dunque il fiore non un simbolo carnale, come spesso si sente dire anche piuttosto a sproposito, ma un simbolo vitalistico dell’esistenza umana, dei nostri struggimenti e delle nostre passioni, una autoaffermazione di se stesso, e quindi di noi stessi.
Oltre a questo simbolismo apparentemente così elementare ma difficile da individuare se non dopo una attenta riflessione, c’è attorno al fiore una immensa stratificazione culturale e sociale.
La mostra intitolata semplicemente “Fiori” che si è tenuta a Forlì dal 24 gennaio e si è conclusa il 20 giugno 2010 ne è un perfetto esempio.
Abbiamo un arco temporale da percorrere, che comprende circa due secoli in cui si sono succeduti tre movimenti artistici e culturali: il Barocco, il Neoclassicismo-Illuminismo, il Romanticismo.

Fiori come simbolo
Se in periodi anteriori, agli albori della civiltà, la simbologia dei fiori, delle erbe, degli alberi, era associata a racconti mitologici o cosmogonici, e più tardi a quella che viene chiamata dottrina delle signature che curava il male con il simile (ad esempio una pianta a fiori gialli guarirà dai problemi di bile, una che produce latte aiuterà le madri che allattano, ecc), nel periodo successivo alla scoperta delle Americhe l’umanità si avviava, grazie anche ai progressi scientifici emergenti e all’incipiente dominio borghese, a battezzare una nuova forma di simbologia, cioè quella culturale.
In molti dipinti o sculture, affreschi e decorazioni, i fiori diventavano quindi dei simboli ben precisi, tali che attraverso la loro presenza o la loro assenza, il pittore o il committente voleva enunciare in maniera non verbale un concetto molto specifico.
Vedremo più avanti degli esempi.

Copia colorata di una incisione del 'De Florum Cultura' di G.B. Ferrari. Come si vede nella dicitura, il fiore era battezzato 'indicum' per via delle sua provenienza dalle Indie Occidentali

Partiamo dalla scoperta dei fiori americani , un momento di rottura non solo nella storia, ma anche della storia dei fiori.
Osservando le cose dal nostro punto di vista, fino alla scoperta delle Americhe gli unici fiori conosciuti erano quelli dell’Europa, dell’areale del mediterraneo e dell’Impero Turco, oltre a qualche pianta importata dall’estremo oriente in tempi molto antichi.
Attratti dalle ricchezze del nuovo mondo gli Europei colonizzarono l’America a prezzo di enormi atrocità nei confronti dei nativi, per impossessarsi delle loro terre e delle loro ricchezze territoriali e naturali, quindi anche dei fiori. Il mercato dei fiori era infatti sempre stato molto vivace in Europa, e si può parlare dell’esistenza dei vivai già dall’epoca dei Romani. Introdurre nuovi fiori era sempre un affare vantaggioso.
Fu dal 1620 in poi che gli Inglesi iniziarono una colonizzazione massiccia dell’America del Nord, portandosi dietro tutto l’armamentario di erbe officinali che conoscevano. Era demandato alla donna, custode della casa, di curare l’orto produttivo e officinale, tanto che il sapere botanico si trasmetteva più di madre in figlia che non di padre in figlio.

Giardino in stile cottage

Alle erbe officinali europee si affiancarono quindi le piante da fiore native delle Americhe, girasole, calceolaria, bella di notte, zinnie, tagete, tropeoli, petunie, verbene, aster, oltre che le dalie.
Queste piante furono regolarmente inviate in Europa, dove erano considerate esotiche e di moda, oggetto di collezionismo, simbolo di ricchezza e potere. Pian piano però vennero naturalmente sostituite da altre scoperte, come quelle che venivano dall’Africa, dall’Australia o dal più lontano Oriente.
Ebbero però un momento di gloria durante la seconda metà dell’Ottocento, durante la quale la moda vittoriana li riportò in auge quali simbolo del potere nazionale (in quel momento l’Inghilterra era l’Impero Britannico) e della tenacia e dell’intraprendenza dei suoi pionieri, che seppero addomesticare una natura selvaggia.
Vennero quindi piantate nei cottage garden, nei giardini di campagna come piante comuni, autoctone, senza considerarne la storia avventurosa. Anche da noi piante come il geranio (proveniente dal Sudafrica) o il girasole (Sudamerica) sono considerate nostrane, addirittura i girasoli sono divenuti un simbolo in Toscana (anche i Guascogna se ne piantano molti per via della produzione dell’olio) e i gerani della Liguria. Le petunie ormai sono diventate internazional-popolari e sono cosmopolìte.

Nessuna pianta come il girasole passò dal simboleggiare il potere temporale ad una simbologia del tutto opposta, cioè quella della semplice ruralità e della campagna. Oggi è considerato una pianta country, adatta per jardin-potager, molto regalata tra fidanzatini


Oggi queste piante sono quindi divenute simbolo, in verità un po’ forzato, di una felice condizione agreste passata e a cui spesso si auspica un ritorno.

Questo era il genere di illustrazioni che circolava prima dell'arrivo della Passiflora in Europa. Il noto botanico Parkinson si dimostrò molto scettico riguardo alla simbologia cattolica contenuta nel fiore della passiflora

Un’altra pianta proveniente dalle Americhe su cui si è molto fantasticato è la Passiflora, in cui vi erano ravvisati i simboli della Passione di Cristo, dunque il nome. La pianta fu descritta da Nicolas Monardes col nome generico di maracot sul finire del 1500 ma arrivò in Europa molto più tardi, nel 1620, dove fu portata a Roma, a Palazzo Farnese. Lo stilo era il palo della fustigazione, lo stigma i tre chiodi, i filamenti della corolla la corona di spine, i dieci petali e sepali i dieci discepoli presenti alla crocifissione.
“Tutto vero come il mare brucia” scrisse il noto botanico Parkinson.

Illustrazione di Parkinson nel suo erbario 'Paradisus Terrestris'. La rosa centifolia è quella in alto a destra

Ma il fiore che più di altri è riuscito ad incarnare molti simboli differenti, dalla vanità alla santità, dalla pace alla guerra, dalla robustezza all’evanescenza, è la rosa.
La rosa è sempre stata conosciuta, amata e coltivata in tutto l’areale del mediterraneo, ma c’è una classe particolare di rose, le Centifolia, che per il loro aspetto globoso e ricco di petali attrassero la fantasia dei pittori fiamminghi. Non si conosce l’origine delle Centifolia, che spesso vengono definite cabbage-roses. Nel 1620 (anno in cui abbiamo visto approdò in Italia la Passiflora e in America il vascello Mayflower), veniva introdotta in Francia una nuova varietà di rosa Centifolia, la ‘Quatre Saisons’, che aveva una fioritura ripetuta. Mazzi impossibili con rose, tulipani, peonie ed altri innumerevoli fiori, divennero di gran moda presso la ricca borghesia protestante olandese. Un po’ come noi compriamo quadri per il salotto, i ricchi borghesi acquistavano tele in cui le rose e altri fiori erano una sorta di bizzarro trionfo della natura e in cui era presente una sorta di simbolismo occulto. Erano i cosiddetti “quadri di stanza” in cui non c’era l’ ispirazione mistica che aveva guidato l’arte religiosa (cattolica) dei secoli precedenti. Anzi, a volte esistevano elementi paganeggianti occultati da una esteriorità cristiana. Non vi erano illustrati dei sentimenti amorosi, non si evocavano i donatori o il lusso del loro domicilio (il più delle volte si percepiva appena il contenitore). Erano dunque degli oggetti d’arte così intesi, apprezzati dai loro committenti per la loro bellezza, per esteriorizzare la loro conoscenza botanica e per dare sfoggio di eleganza nelle loro abitazioni.

Jacob van Walscappelle, fiori in un vaso di pietra

La simbologia della rosa è molto antica e legata al culto della Grande Madre Celeste. La stessa espressione Sub rosa indica che si trasmette un informazione nel più grande segreto.

Quidquid sub rosa fatur
Repetitio nulla sequatur.
Sint vera vel fincta
Sub rosa tacita dicta

E’ un detto del 1400, periodo in cui si soleva attaccare un mazzo di rose al soffitto delle locande o avvolgerne i boccali, per garantire che le notizie raccontate non fossero propalate.
La rosa è spesso associata a Cristo, se rossa, se bianca invece alla Madonna, come d’altra parte anche il giglio; quelle gialle ai Magi (che portarono l’oro) e quelle rosate al Bambin Gesù.
La sua struttura concentrica ha evocato anche l’idea della ruota, del tempo che scorre, dell’eterno ciclo vita-morte, e non a caso l’oculo a raggiera nelle facciate delle cattedrali si chiama rosone. Le rose erano consacrate ad Iside, e per secoli simboleggiarono l’ermetismo (per il loro nascondere il centro, tipico delle rose antiche), l’amore sacro e l’amor profano.
Nel 1615 si sviluppò in Europa un movimento ermetico detto “Rosacrucianesimo”. E’ probabile che la nascita fu dovuta ad un fraintendimento, infatti l’autore anonimo del volume Riforma generale e universale che diede inizio a questo movimento voleva prendere in giro gli esoteristi, che invece credettero a tutti i contenuti bizzarri del libro. Su quest’onda fu pubblicato un altro testo, Le nozze chimiche che narrava dell’iniziazione a sette esoteriche non ben precisate da parte di un giovane cavaliere chiamato Rosacroce. La Massoneria in seguito si impadronì dei simboli rosacruciani, e il termine rosacroce oggi indica semplicemente un grado di iniziazione massonica.

L'Annunciazione dipinta da Dante Gabriele Rossetti. la modella era sua sorella

Il giglio è , tra tutti fiori senza dubbio quello che -dopo la rosa- è più carico di simbologia antichissima, arrivataci fino ad oggi. E’ simbolo non solo virginale ma anche di molti santi, tra tutti Sant’Antonio da Padova, ma anche di altri venti tra santi e sante. Era simbolo di fecondità per la sua capacità di riprodursi e per via della sua natura ctonia, quindi consacrata alle divinità femminili preelleniche, ma anche perché i sei petali simboleggiavano i sei raggi del sole, quindi simbolo di fecondità. Tra le altre cose è stemma araldico della monarchia francese, anche se alla base di questo stemma c’è un errore: il giglio a cui ci si riferiva era una sorta di arma a forma di lancia con due uncini: una specie di stemma araldico già disegnato.

Luigi XIV

In realtà il giglio di Francia è un iris. Pare che il primo ad adottarlo fosse Luigi VII (siamo nel 1100) perché in una battaglia vittoriosa vide degli iris, così il fiore fu battezzato Fleur-de-Louis. In seguito il nome venne storpiato in Fleur-de-Lys, fiore di giglio. Si tratterebbe quindi di una metamorfosi fonetica.
Anche Firenze, d’altra parte, prese a suo stemma il giglio, che in realtà era un Iris, fatto confermato dal nome comune del fiore chiamato “giglio di Firenze”, che botanicamente è un Iris florentina.

Tulipani

Nel Seicento un’altra pianta famosissima fu il tulipano, che fu la pianta non alimentare o medica più importante della storia. Fu un vero e proprio fenomeno di new economy ante litteram, poiché non era necessario dimostrare di possedere fisicamente i bulbi. La passione per i tulipani univa i ricchi ai poveri, in molti vendevano i loro possedimenti per acquistare anche solo un bulbo e poi rivenderlo a prezzo maggiorato.

Jan Bruegel il Giovane, satira della tulipomania 1600

Ma a noi qui interessa solo il tulipano nero. Oramai esistono molte varietà scure dall’aspetto quasi nero, ma allora il tulipano nero era il sogno degli ibridatori. Un anziano signore olandese, che viveva tutto solo, riuscì ad ibridarne uno per puro caso. Gli furono fatte numerose offerte ma egli rifiutò per presentarlo ad Haarlem, dove si riuniva la società di ibridatori di tulipani, la quale gli offrì 1500 fiorini. Una volta ottenutolo gettarono la pianta in terra e la distrussero.
“Perché?”, chiese l’anziano signore.
“Perché anche la nostra società ha ottenuto e riprodotto il tulipano nero –gli spiegarono- e la tua creazione toglie l’unicità alla nostra, ecco perché può esistere un solo tulipano nero”.
Qui un fiore diventa simbolo della gelosia tra ibridatori e del collezionismo più miope ed egoista. Tratti che sarebbero ancora ben vivi tra gli ibridatori moderni se non fosse che le nuove tecnologie rendono disponibile alle persone una grande e varia offerta.
Il Tulipano nero è anche un romanzo di Alexandre Dumas figlio, in cui si racconta una vicenda ambientata in Olanda alla metà del Seicento e della rivalità tra due ibridatori.
Il libro è però di epoca più tarda, del 1850, periodo in cui i tulipani erano ancora amati ma non così in auge come due secoli prima, scritto per tenere impegnato nella lettura un pubblico amante delle avventure e poco incline all’approfondimento. In quest’ultimo caso Il tulipano nero potrebbe assurgere a simbolo letterario e culturale, cioè di quella cospicua parte della letteratura d’intrattenimento che ha preso il via durante il Romanticismo e che oggi rappresenta la quasi totalità del prodotto internazionale.

Il Settecento fu un’epoca molto strana per quanto riguarda le piante: c’era forte contrasto tra la povertà dei molti e la ricchezza dei pochi, inoltre nacque in quel periodo il giardino paesaggistico inglese che non amava molto la vivacità cromatica dei fiori.

Madame de Pompadur

Sotto Luigi XV (1710-1774) nacque a corte la moda dei femme fleurs i fiori delle favorite, allora le varie Pompadour, Montespan, Mme du Barry, lanciavano mode che si succedevano con grande velocità. Si preferiva ora il gelsomino, ora la rosa. Alla corte di Francia fu molto apprezzato anche il bergamotto poiché con il suo penetrante profumo riusciva a coprire anche gli odori più sgradevoli che purtroppo erano diffusissimi a Versailles per via della carenza delle strutture igieniche.
Ma i fiori che hanno legato il loro fascino a questo secolo sono senza dubbio le violette e le camelie. Le violette, che nel linguaggio dei fiori significano modestia, erano curiosamente usate dalle giovani donne come mazzolino per le serate di gala. Erano già molto conosciute ed appezzate durante l’ancien régime, che aveva nutrito per loro quasi una sorta di mania. Si racconta che un gentiluomo, durante il periodo rococo (1720) dedicasse l’intera sua vita alla coltivazione di violette per poter offrire ad un’attrice di cui era innamorato, un mazzolino ogni sera per trent’anni. Quest’attrice poteva quindi farsi un infuso di violette ogni sera.
Goethe ne portava sempre dei semi in tasca per contribuire alla bellezza del mondo.
GiuseppinaA cavallo tra il Settecento e l’Ottocento le violette divennero simbolo della casata dei Bonaparte, Napoleone stesso apprezzava questi fiori per via della passione che per essi nutriva Giuseppina, che le fece ricamare sul suo abito di nozze, e le amava tanto da circondarsene. Si può dire che tutta la vita di Giuseppina fu scandita dalla sua passione per le violette. Napoleone stesso promise (e mantenne) di tornare dal suo esilio dall’Elba quando “le violette sarebbero state nuovamente in fiore”, inoltre aveva un medaglione con dentro alcune violette raccolte dalla tomba di Giuseppina. “Le père Violette” o “Caporal Violette” erano una sorta di parola d’ordine per i bonapartisti. Quando poi Napoleone divorziò e sposò Maria Luisa d’Asburgo, questa ne fece subito uno dei suoi simboli, tanto che alcune delle viole più belle portano il suo nome.

L'Imperatrice Eugenia circondata dalle sue dame. Le violette si trovano in mazzi e nelle acconciature delle dame, e il viola è un colore molto amato

Le violette furono bandite durante il periodo rivoluzionario e ritornarono però velocemente di moda con la restaurazione e la moglie di Napoleone III, Eugenia Montijo. Quando Napoleone III morì in Inghilterra, masse di violette furono spedite oltremanica.
Il viola era un colore di gran moda, tanto che si parla di un’era del mauve.
Le camelie furono un’altra pianta importantissima nel Settecento, non solo per via della loro bellezza, ma perché da esse si ottiene il tè. Fino al 1792 le camelie erano conosciute solo come pianta da infuso. Anzi, pare che siano approdate nel continente europeo perché i Cinesi –a cui gli Inglesi avevano chiesto delle piante di tè per poterle coltivare- gli rifilassero delle camelie da fiore anziché da foglia. Erano piante tanto sconosciute agli europei che furono trattate come delicate e quindi messe in serra, dove ovviamente morivano. Pare che un gentiluomo collezionista, Lord Petre (1738), morisse di crepacuore dopo la perdita di una pianta di camelia. Le prime camelie furono acclimatate in Italia nel 1760 a Caserta portate dalla potente famiglia dei Borbone di Napoli.
Le camelie sono anche simbolo di una certa sensualità femminile, questa simbologia nasce dal famoso romanzo di Alexandre Dumas Padre La signora delle camelie che per 25 giorni al mese si appuntava al petto una camelia bianca, e per gli altri cinque una camelia rossa. Margherite Gautier era ammalata di tubercolosi, che in quel periodo (siamo nel 1848) era come dire “di moda” presso un certo tipo di letteratura che voleva eroine belle e dannate. Tra l’altro la camelia ben si addiceva a Marguerite perché in Giappone (da dove viene la varietà da fiore) simboleggia la caducità della vita per il fatto che il fiore, una volta aperto, non sfiorisce ma cade.
Il romanzo funse da palinsesto per la Traviata di Verdi, la cui protagonista però si chiama però Violetta Valery.

La Traviata

Frutti di Maclura pomifera

C’è un’altra pianta di cui tengo molto a parlare, ed è la Maclura pomifera, un arbusto oriundo dell’America del nord. Si tratta non di un albero da fiore, ma da frutto: un frutto a dire il vero piuttosto inutile. Gli stessi indiani Osage coniarono il detto “inutile come una palla di siepe”. La Maclura ha una storia intrigante, che troviamo ben spiegata nel superbo libro Prateria di William Least Heat-Moon. Durante la colonizzazione del west, nella prateria, era impossibile tenere separate le mandrie dai campi, poiché non c’erano alberi per fare le recinzioni. Fu dall’idea di un vivaista che si diffuse l’uso di questa pianta come recinzione per i campi. La Maclura veniva piantata in reticoli perfettamente ortogonali che l’ideale massonico-neoplatonico di Jefferson (1743-1826) aveva concepito. La gente era tanto abituata a queste siepi perfettamente squadrate che costruiva le case in asse e disponeva anche il letto simmetricamente. Per cui quando il Kansas va a dormire, dice Least Heat-Moon, lo fa ancora in direzione nord-sud o est-ovest.
Questo è quanto scrive l’autore:

la Maclura era l’incarnazione vivente della suddivisione territoriale della nuova civiltà americana: un elemento essenziale come la costituzione per il governo, o come una pattuglia di polizia per un quartiere, una cosa che definisce, delimita e impone il rispetto della legge

.

Se nel Seicento la caccia alle piante era un’attività collaterale di esploratori e nel Settecento quella di amatori entusiasti, fu nell’Ottocento che si affermò la figura del “plant hunter” , il cacciatore di piante, generalmente un botanico professionista con doti di illustratore. Associazioni prestigiose come quella di Kew stipendiavano esperti perché passassero mesi ed anni in mare alla scoperta di nuove terre e nuove piante, meglio se utili o medicinali, ma anche quelle da fiore erano enormemente apprezzate per il loro valore economico.
I trasporti più veloci e la diffusione di magazinese riviste per giardinieri, favorirono il ricambio sempre più veloce delle mode.
L’Ottocento fu non a torto chiamato “secolo dei fiori”. I nobili e l’alta borghesia che viveva more nobilium andava assolutamente pazza per i fiori, al punto di dipingerli sulle carte da parati, sui tendaggi, ricamarli sulle stoffe, appuntarli nelle acconciature, sui vestiti, sulle gonne, sui cappelli e sul decolletè.

Boldini dipinse la società agiata di fine Ottocento, ritraendola in momenti quotidiani o di relax. Per il suo modo di lavorare affettato fu coniato il termine 'boldinismo'


Nell’Ottocento si diffuse anche il cosiddetto linguaggio dei fiori, che era stato introdotto già a metà Settecento da una nobildonna inglese moglie dell’ambasciatore a Costantinopoli. In realtà il selam era un messaggio non composto solo da fiori, ma anche da oggetti ed altri elementi, ma in Europa la moda del selam ebbe come oggetto solo i fiori e le piante. Uno dei testi più importanti è Il linguaggio dei fiori di Charlotte de Latour, probabilmente uno pseudonimo. Il libro ebbe una storia editoriale molto complessa e non si sa bene chi l’abbia scritto.
Le dame dell’epoca vivevano in una società agiata e un po’ fatua e per impiegare il loro tempo si divertivano a mandarsi complessi messaggi floreali e a comporre sciarade. L’educazione di una dama comprendeva lezioni di pittura botanica all’acquerello perché potessero comprendere la bellezza e la grazia. Abbiamo tutti presente la Emma di Jane Austen che era completamente immersa in una atmosfera romantica fatta di pic-nic e pensieri d’amore.
Niente evoca meglio il periodo ottocentesco come la rocambolesca vicenda della Victoria amazonica, una sorta di grandissima ninfea che vive in Sudamerica.
La Victoria era conosciuta sin dal 1801, ma in tutto il continente europeo c’era solo un fiore conservato sotto spirito. Dovette arrivare il 1837, anno in cui la giovane regina Vittoria era appena salita al trono diciottenne, e fu chiamata Victoria regia in suo onore. I giardini di Kew dove c’era la sede della società botanica inglese, e quelli di Chatsworth se la contendevano, ma il capo giardiniere di Chatsworth, Joseph Paxton riuscì a farla prosperare e fiorire per primo, ed ottenne così l’incarico di costruire la grande serra vetrata del Crystal Palace per l’Esposizione Internazionale del 1851. Anche qui c’è una competizione per arrivare primi nel mondo dell’orticoltura, una competizione tra scienziati e tra artisti. Ma c’è anche un desiderio di consacrare, attraverso la celebrazione di un fiore, la gloria politica dell’impero inglese, che a quell’epoca era molto potente grazie ai suoi possedimenti in India.
Dietro alla fama della Victoria venne poi la moda delle ninfee e dei loti. A fine secolo nessuna sala da bagno rispettabile poteva fare a meno di un decoro con ninfee. In buona sostanza la ninfea fu l’equivalente del melograno per il Cinquecento e delle rose per il periodo rococo.

Victoria amazonica


Un’altra pianta di cui voglio parlare come simbolo di uno stile del giardino che si affermò in epoca romantica, è la Calceolaria. La Calceolaria è forse tra le piante più brutte che ci siano, e all’epoca ebbe una sorta di doppia vita. Da un lato divenne un fiore da fiorista, cioè da ibridatore, e ne furono creati esemplari con venature e screziature sempre più appariscenti. Dall’altro invece ha rappresentato un modo borghese e poco colto di fare del giardinaggio. Non so se qualcuno di voi ha mai letto Il giardino di Elizabeth di Elizabeth von Arnim, alla quale non era concesso, per la sua posizione nobiliare di praticare del giardinaggio (in questo senso le classi povere erano molto più libere). Tutto era messo nelle mani del suo giardiniere, quando lei gli chiese di fare un giardino giallo, lui le fece una striscia di sole calceolarie gialle. Insomma, la calceolaria è stata una pianta molto usata per parterre geometrici di ispirazione italiana e per lo stile cosiddetto gardenesque o per il jardin fleuriste francese.
gardenesque style da Vulgare net

Fiori di ciliegio in una stampa giapponese

L’ultimo fiore che prendiamo in considerazione in questa dissertazione è il fiore di ciliegio, che in Giappone chiamano “sakura”. Mi sembra importante concludere con un fiore proveniente dal Giappone perché alla fine dell’Ottocento il Giappone fu una inesauribile fonte di ispirazioni artistiche e di nuove soluzioni formali. Gli impressionisti stessi non hanno taciuto il loro debito nei confronti dell’arte dell’Ukio-e.
Il ciliegio era conosciuto in Europa sin dal I secolo avanti Cristo portatovi pare da Lucullo da Kerasunte nel Ponto (odierna zona nordorientale della Turchia), donde il nome kerasos e il nome volgare “ceraso”.
In Europa è stato un albero importante nelle cerimonie del periodo tra Natale e la Befana (Albania), bruciandolo e poi fecondando la vigna con le ceneri, e in Francia era utilizzato nel periodo di Calendimaggio come simbolo di amore. In Giappone, che ha una cultura estremamente stratificata e complessa, c’è tutta una ritualità legata al fiore del ciliegio che simboleggia la perfezione assoluta, ma anche l’impermanenza della bellezza e la transitorietà dello stato di perfezione. Inoltre il fiore rosso, per la sua evidente connotazione cromatica, simboleggia il samurai. Quando tra aprile e maggio fioriscono in Giappone i fiori di ciliegio, i giapponesi si riversano nelle località dove sono piantati questi alberi (Prunus serrulata, non Prunus avium), tra cui spiccano le falde del monte Yoshino, non distante dalla vecchia capitale Kyoto, e fanno dei pic-nic sotto gli alberi. Gli uffici chiudono, fanno festa anche i sararimen e le hana office, le impiegate. Spesso i gitanti si lasciano andare e abusano di sakè, facendo chiasso. Già un poeta del Seicento si lamentava della maleducazione dei gitanti, oggi si beve coca cola e si mangiano hamburger.

Hanami

Le stampe giapponesi influenzarono tutta l’arte successiva e primariamente il Liberty, in cui il fiore diventa il principale motivo decorativo, tanto che viene detto “periodo del Floreale”.

Il giglio come elemento decorativo. Mucha