Giardini per la pioggia e il vento

...piove sui nostri volti silvani...

Perchè noi occidentali non abbiamo maturato un giardino per gli eventi atmosferici? Perchè non facciamo giardini per la pioggia o per il vento?
I Giapponesi fanno qualcosa del genere, ma che io sappia non esistono giardini creati con il preciso scopo di “suonare” quando piove o tira vento.
Perchè siamo così poco attenti a queste cose? Eppure le precipitazioni e gli eventi atmosferici fanno parte del giardino non meno di quanto non ne facciano parte le piante e la terra. Siamo così terrorizzati da non avere le “piante a fioritura tardiva” che ci coprano la mezza stagione, da avere dimenticato che un giardino non è fatto solo di fiori? Siamo così schiavi delle ciotole fiorite da aver dimenticato di cosa è fatto ciò che piantiamo?
E’ pur vero che esiste un millenario conflitto tra il fiore e il giardino. Borchardt dice che il giardino aspira all’immortalità, mentre il fiore è perituro (poi mi dicono che sono strana quando collego morte e giardini. Il giardino è morte ripetuta ogni giorno).

Non meno di quanto desideri un cavallo, un giardino segreto e un giardino per i cani, desidero un giardino per la pioggia e per il vento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.