6 pensieri su “O spago o niente!

  1. Sono già le piante ad essere antiche: esistono uguali o quasi da migliaia di anni.

    Ma il moderno degli anni’50 e il moderno degli anni’10 sono entrambi moderni occorre specificare in che periodo considerare il momento di valutazione del moderno.

  2. W i giardini moderni, purchè siano composti da piante e non ospitino come star il malefico pratino all’inglese comperato in rotoloni!

  3. “Moderno” è un termine preciso nella storia dell’arte, e credo che voi lo sappiate benone e perciò mi tirate le orecchie.
    Il “moderno” è lo stile sviluppatosi dopo la rivoluzione dell’arte industriale -insomma- il Libery, il déco.

    Ma non c’entra nulla con la mia osservazione.
    Volevo infatti dire “al passo coi tempi, contemporaneo”.

    Mi è capitato di leggere su una rivista. Desiderio di antico, di passato. Questo desiderio è comune a molta parte dei giardinieri, tanto che esiste un vero e proprio business dell’antico, del country tipo provenzale o cottage.

    Questo sentimento non è però accompagnato da una eguale passione e dedizione alle attività che accompagnano questo stile di vita, attività come lo spalare letame, mungere le mucche, chidersi in casa a fare coperte patchwork, tanto su e-bay le trovi già fatte.
    Insomma, è tutta una finta, una moda come un’altra che segue il boom del neoruralismo (leggete “neoruralismo e città”, di Valerio merlo. Micidiale).

    Il giardino non deve attaccarsi al vecchio, deve praticare il nuovo, come tutta l’arte.
    Per carità, io sono una di quelli che davanti ad un vaso rotto va in delirio. Amo i giardini cottage, se potessi vorrei una fattoria e vivere come Nonna Papera, l’avete anche letto nel mio libro. Insomma, però mi rendo conto che non va, proprio non va.

    Abbasso il melo ‘Golden Hornet’.
    Viva chi mette in circolo nuove idee e nuovi prodotti, il che non significa “caccia al nuovo materiale” o “stranezze a gogo” a tutti i costi. E’ una mentalità che si deve aprire, non uno stile da inseguire.

  4. Vabbè, ammetto che il melo”Golden Hornet” non lo conosco .
    Tuttavia mi domando se la ricerca di frutti antichi, purchè siano quelli che resistevano senza ammalarsi, non possa avere anche una connotazione attuale, in un agricoltura ( ivi compreso il giardinaggio) in cerca di piante ecosostenibili.
    Se le piante del futuro avranno bisogno di poca acqua, meno trattamenti sanitari e saranno collocate intelligentemente in climi idonei ( anche i giardinieri dovranno modernizzare le loror mentalità), allora questo futuro mi piace.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...