9 pensieri su “Seconda domanda

  1. non sono mica d’accordo. Sarà vero per qualcuno, non per me.
    Tanto per cominciare non è facile verificare come si appare agli altri, e poi se ci si propone di adeguare la propria interiorità all’apparenza esteriore significa fare un’operazione di falsificazione o di svuotamento del sè, che ha senso solo per chi decide di vivere la propria vita galleggiando sulla superficie delle cose; e non mi sembra il caso delle persone che qui scrivono, per esempio

  2. non è la domanda giusta, ma provo ugualmente a risponderti: so di non sapere tutto di me, ma cerco di non nascondermi a me stessa, accettando i lati scuri (benchè malvolentieri) insieme a quelli limpidi. E questo penso sia visibile anche a chi mi osserva

  3. Qui bisogna stabilire il punto di vista. Guardando il soggetto da un punto esterno ad esso, il soggetto è ciò che appare. Il soggetto che guarda se stesso è ciò che è.

  4. Ultimamente mi ha preso il tic delle domande. E’ da secoli che mi chiedo qual è la domanda giusta, vero che ti ricordi che te lo dissi una volta, Koki?
    Mi spiego meglio. Questa domanda mi parte da qui. Ci sono persone e ambienti in cui ci si trova bene e si riesce ad essere autentici, mentre ci sono alte persone e luoghi che ci mettono nella comune ma non per questo meno triste abitudine di indossare la “maschera” pirandelliana.
    io ne ho un sacco di conoscenze del genere, anche perchè sotto sotto sono una timidona, per cui cerco di rivestirmi sempre di una patina di coraggio autoimposto.
    ma che cosa succede? Come diceva Fizzi, una bugia ripetuta tante volte diventa verità. vabbè, lei pensava a Silvio, giusto?
    Insomma, se finisci con l’indossare sempre vestiti sformati e scarpe usate, finisci per diventare anche tu sformata e usata, perchè agli altri appari così e tu con quegli “altri” ti identifichi con il personaggio sformato e usato. E anche quando non lo fai deliberatamente, in effetti abitualmente indossiamo degli abiti che rispecchiano la nostra personalità, allora la nostra personalità si identifica o sovrappone con l’abito.
    Se ti comporti da stupido è forse perchè un po’ stupido lo sei veramente?

  5. sì, questa è la domanda giusta.
    E la mia risposta è: sì, se ci si comporta da stupidi è perchè un po’ lo si è veramente. Del resto non è un peccato mortale essere stupidi (chi non si è mai comportato da stupido almeno una volta nella vita? perfino Einstein lo era con le donne), ma lo è senz’altro non esserne consapevoli. L’autenticità, la sincerità almeno con se stessi non sono optional qualsiasi, non credo che davvero ci si possa camuffare ai propri occhi, che ci si possa ingannare al punto di convincersi di essere diversi e migliori di quello che si è.
    Questo può accadere ad un Io non ancora maturo, come quello di un adolescente per es., oppure ad una personalità adulta che non ha avuto la possibilità di compiersi, per motivi di deprivazione culturale, affettiva o sociale.
    Sono sicura che in fondo i più sappiano benissimo di non essere la maschera che in quel momento stanno indossando

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...